Favole di Esopo/Di un Cane mordace

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Cane mordace

../Del Gambaro, Madre, e figliuolo ../Di due Pignate IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Cane mordace
Del Gambaro, Madre, e figliuolo Di due Pignate
[p. 199 modifica]

Di un Cane Mordace. 174.


Il Padrone mise un segno al Cane Mordace acciocchè da quello ognuno si guardasse. Il Cane pensò, che ciò gli fosse messo per onore, per questo disprezzava gli altri Cani. Al quale un Cane vecchio disse che non si gloriasse, perchè quel ch’egli pensava, che fosse onore, era vituperio.

Sentenza della favola.

La favola significa, che qualche volta un vanaglorioso pensa, che gli sia onore, ciò che gli è vituperio, e vergogna.