Favole di Esopo/Di un Marito, e la Moglie

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Marito, e la Moglie

../Di un Ricco, e la Fortuna ../Del Papagallo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Marito, e la Moglie
Di un Ricco, e la Fortuna Del Papagallo
[p. 267 modifica]

Di un Marito e ia Moglie. 330.


Piangeva il Marito la morte della sua Moglie dicendo, che mai più non voleva pigliar Moglie, e voleva imitare la Tortora, e farsi solitario, come sfortunato. Venendo poi le donne per mettere la morta nel Feretro, e volendole mettere una bella veste, per mandarla alla sepoltura, subito si levò il Marito, e disse: Lasciate star questa bella veste, perchè io la voglio conservare per altra Moglie, e che la voglio pigliar presto! Le quali parole commossero a riso tutti quelli, che vi erano presenti.

Sentenza della favola.

Questa favola dinota, che l’animo difficilmente si può celare, che con parole non si scuopra alle volte, massimamente negli affetti amorosi.