Favole di Esopo/Di un Mercurio, e Tiresia indovinatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Mercurio, e Tiresia indovinatore

../Di Mercurio, e uno Statuario ../Di due Cani IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Mercurio, e Tiresia indovinatore
Di Mercurio, e uno Statuario Di due Cani
[p. 138 modifica]

Di un Mercurio, e Tiresia indovinatore. 72.


Volendo provar Mercurio se Tiresia sapeva indovinare: gli furò i suoi Buoi, e poi in forma umana si accompagnò con lui. Avendo saputo Tiresia, che li Buoi gli erano stati [p. 139 modifica]tolti, insieme con Mercurio andò per sapere il ladro de’ buoi, e dimandò a Mercurio, quale ucello avesse veduto in aere. In quale rispose aver veduto un’Aquila, che volava da man sinistra a man destra. Rispose Tiresia: Questo non fa per me. La seconda volta dimandatogli, disse aver veduta una Cornacchia sopra un arbore, che ora guardava di sopra, ed ora in terra, avendo, Tiresia ciò inteso, disse: Questa Cornacchia, gira per il Cielo, e per la Terra, che se tu vuoi, io riaverò i miei Buoi.

Sentenza della favola.

Ciascuno potrà usare questo parlare verso un ladro.