Favole di Esopo/Di un Villano, ed un Agnello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Villano, ed un Agnello

../Dei cavalli, che correvano al Pallio ../Di un Giovine, ed un Lupo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Villano, ed un Agnello
Dei cavalli, che correvano al Pallio Di un Giovine, ed un Lupo
[p. 261 modifica]

Di un Villano ed un’Agnello. 318.


Avendo un Villano una lite, andava al Procuratore, il quale come lo vedeva fingeva di non vederlo e d’avere altri negozj, e non ascoltava ciò che diceva, di modo che il Villano stava di mala voglia. Un giorno prese uno Agnello bello, e grasso, ed andò la mattina a casa del Procuratore. Come fu vicino alla casa fe gridare l’Agnello. Sentito questo il servitore lo menò al Padrone, e gli fece dare udienza. Allora il Villano si voltò all’Agnello, dicendo: O Agnello, io ti sono molto obbligato, perchè mi hai fatto dare così grata udienza.

Sentenza della favola.

Questa favola dimostra, che niuno, è tanto duro, e difficile che non si plachi per li doni.