Fiore/LXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXI

../LX ../LXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LX LXII

 
Amico

 "E se·ttu ami donna ferma e sag[g]ia,
Ben sag[g]iamente e fermo ti contieni,
C[h]’avanti ch’ella dica: ’Amico, tieni
Delle mie gioie’, più volte t’asag[g]ia.4

 E se·ttu ami femina volaggia,
Volag[g]iamente davanti le vieni
E tutt’ a la sua guisa ti mantieni;
Od ella ti terrà bestia salvaggia,8

 E crederà che·ttu sie un papalardo,
Che sie venuto a·llei per inganarla:
Chéd ella il vol pur giovane e gagliardo.11

 La buona e·ssaggia ma’ di ciò non parla,
Anz’ama più l’uon fermo che codardo,
Ché non dotta che que’ faccia blasmarla.14