Fiore/LXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXV

../LXIV ../LXVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXIV LXVI

 
Amico

 "Sovr’ ogne cosa pensa di lusinghe,
Lodando sua maniera e sua faz[z]one,
E che di senno passa Salamone:
Con questi motti vo’ che·lla dipinghe.4

 Ma guarda non s’aveg[g]a che·tt’infinghe,
Ché non v’andresti mai a processione;
Non ti var[r]eb[b]e lo star ginoc[c]hione:
Però quel lusingar fa che tu ’l tinghe.8

 Chéd e’ n’è ben alcuna sì viziata
Che non crede già mai ta’ favolelle,
Perc[h]’ altra volta n’è stata beffata;11

 Ma queste giovanette damigelle,
Cu’ la lor terra nonn-è stata arata,
Ti crederanno ben cotà’ novelle.14