Fiore/LXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXII

../LXXI ../LXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

LXXI LXXIII

 
Amico

 "Or sì·tt’ò detto tutta la sentenza
Di ciò che·ssag[g]io amante far dovria:
Così l’amor di lor guadagneria,
Sanz’aver mai tra·llor malivoglienza.4

 Se mai trai di pregion Bellacoglienza,
Sì fa che·ttu ne tenghi questa via,
Od altrimenti mai non t’ameria,
Che ch’ella ti mostrasse in aparenza.8

 E dàlle spazio di poter andare
Colà dove le piace per la villa;
Pena perduta seria in le’ guardare:11

 Ché·ttu ter[r]esti più tosto un’anguilla
Ben viva per la coda, e fossi i·mmare,
Che non faresti femina che ghilla".14