Genesi (Diodati 1821)/capitolo 25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../capitolo_24

../capitolo_26 IncludiIntestazione 19 agosto 2011 75% Da definire

capitolo 24 capitolo 26

[p. 20 modifica]

Morte di Abrahamo.

25
  ED Abrahamo prese un’altra moglie, il cui nome era Chetura.

2  Ed ella gli partorì Zimran, e Iocsan, e Medan, e Madian, e Isbac, e Sua.

3  E Iocsan generò Seba e Dedan. Ed i figliuoli di Dedan furono Assurim, e Letusim, e Leummim.

4  Ed i figliuoli di Madian furono Efa, ed Efer, ed Hanoc, ed Abida, ed Eldaa. Tutti questi furono figliuoli di Chetura.

5  Ed Abrahamo donò tutto il suo avere ad Isacco1.

6  Ed a’ figliuoli delle sue concubine diede doni; e mentre era in vita, li mandò via d’appresso al suo figliuolo Isacco, verso il Levante, nel paese Orientale.


7  Or il tempo della vita di Abrahamo fu di centosettantacinque anni.

8  Poi trapassò, e morì in buona vecchiezza, attempato, e sazio di vita: e fu raccolto a’ suoi popoli2.

9  E Isacco ed Ismaele, suoi figliuoli, lo seppellirono nella spelonca di Macpela nel campo di Efron, figliuol di Sohar Hitteo, ch’è dirimpetto a Mamre;

10  ch’è il campo che Abrahamo avea comperato da’ figliuoli di Het; quivi fu seppellito Abrahamo, e Sara, sua moglie.

11  Ora, dopo che Abrahamo fu morto, Iddio benedisse Isacco, suo figliuolo; e Isacco abitò presso del Pozzo del Vivente che mi vede.

Posteriorità d'Ismaele.

12  OR queste sono le generazioni d’Ismaele, figliuolo di Abrahamo, il quale Agar Egizia, serva di Sara, avea partorito ad Abrahamo.

13  E questi sono i nomi de’ figliuoli d’Ismaele secondo i lor nomi nelle lor generazioni: Il primogenito d’Ismaele fu Nebaiot; poi v’era Chedar, ed Adbeel, e Mibsam;

14  e Misma, e Duma, e Massa;

15  ed Hadar, e Tema, e Ietur, e Nafis, e Chedma.

16  Questi furono i figliuoli d’Ismaele, e questi sono i lor nomi, nelle lor villate, e nelle lor castella; e furono dodici principi fra’ lor popoli3.

17  E gli anni della vita d’Ismaele furono centrentasette; poi trapassò, e morì, e fu raccolto a’ suoi popoli.

18  Ed i suoi figliuoli abitarono da Havila fin a Sur, ch’è dirimpetto all’Egitto, traendo verso l’Assiria. Il paese di esso gli scadde dirimpetto a tutti i suoi fratelli.

Esaù e Giacobbe

19  E QUESTE sono le generazioni d’Isacco, figliuolo di Abrahamo:

20  Abrahamo generò Isacco. Ed Isacco era d’età di quarant’anni, quando prese per moglie Rebecca, figliuola di Betuel, Sirio, da Paddanaram, e sorella di Labano, Sirio.

21  E Isacco fece orazione al Signore per la sua moglie; perciocchè ella era sterile: e il Signore l’esaudì; e Rebecca sua moglie concepette4.

22  Ed i figliuoli si urtavano l’un l’altro nel suo ventre. Ed ella disse: Se così è, perchè sono io in vita? E andò a domandarne il Signore.

23  E il Signore le disse: Due nazioni sono nel tuo ventre; e due popoli diversi usciranno delle tue interiora; e l’un [p. 21 modifica] popolo sarà più possente dell’altro, e il maggiore servirà al minore5.

24  E quando fu compiuto il termine di essa da partorire, ecco, due gemelli erano nel suo seno.

25  E il primo uscì fuori, ed era rosso, tutto peloso come un mantel velluto; e gli fu posto nome Esaù.

26  Appresso uscì il suo fratello, il quale con la mano teneva il calcagno di Esaù; e gli fu posto nome Giacobbe. Or Isacco era d’età di settant’anni, quando ella li partorì.

27  ED i fanciulli crebbero; ed Esaù fu uomo intendente della caccia, uomo di campagna; ma Giacobbe fu uomo semplice, che se ne stava ne’ padiglioni.

28  E Isacco amava Esaù; perciocchè le selvaggine erano di suo gusto; e Rebecca amava Giacobbe.

29  Ora, cocendo Giacobbe una minestra, Esaù giunse da’ campi, ed era stanco.

30  Ed Esaù disse a Giacobbe: Deh! dammi a mangiare un po’ di cotesta minestra rossa; perciocchè io sono stanco; perciò egli fu nominato Edom6.

31  E Giacobbe gli disse: Vendimi oggi la tua primogenitura.

32  Ed Esaù disse: Ecco, io me ne vo alla morte, che mi gioverà la primogenitura?

33  E Giacobbe disse: Giurami oggi che tu me la vendi. Ed Esaù gliel giurò; e vendette la sua primogenitura a Giacobbe.

34  E Giacobbe diede ad Esaù del pane, ed una minestra di lenticchie. Ed egli mangiò e bevve; poi si levò e se ne andò. Così Esaù sprezzò la primogenitura7.