I corsari delle Bermude/Capitolo 14 - I terribili effetti dell'«aguardiente» scorpionata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo 14 - I terribili effetti dell'«aguardiente» scorpionata

../Capitolo 13 - Colpi di spada ../Capitolo 15 - Le audaci imprese del bretone IncludiIntestazione 28 luglio 2016 75% Da definire

Capitolo 14 - I terribili effetti dell'«aguardiente» scorpionata
Capitolo 13 - Colpi di spada Capitolo 15 - Le audaci imprese del bretone

14


I TERRIBILI EFFETTI DELL'«AGUARDIENTE» SCORPIONATA


L'albergatore si era addormentato su una sedia sicché fu pronto ad aprire. Nel vedere i tre personaggi insieme con una bellissima fanciulla, fece un gesto di sorpresa, ma da uomo prudente non si permise nessuna domanda.

— Desiderate, miei gentlemen? — chiese stropicciandosi i grossi occhi.

— È pronta la stanza per la signora? — chiese sir William.

— Anche.

— Vieni, Mary: qui sei al sicuro, perché la mia spada e le sciabole dei miei marinai saranno sempre pronte a difenderti. Mi dispiace che sia un albergo d'infimo ordine, ma prima di tutto dovevo pensare alla tua sicurezza. Nessuno verrà certamente a cercarti qui.

— E Diana?

— Se ne incaricherà domani Testa di Pietra. Lascia fare a lui. Albergatore, fateci lume.

— Comandante, sareste per caso scontento del vostro vecchio mastro?

— Perché dici così, Testa di Pietra? — chiese sir William, sedendosi al tavolino.

— Pel borgo di Batz! Quando il Leicester c'inseguiva non avevate un viso così triste. Eppure dovreste essere allegro, perché il vostro piano è riuscito e la vezzosa miss si trova ormai sotto la protezione dei cannoni della corvetta, dei vostri fedelissimi marinai e degli americani.

— Avrei voluto evitare quel colpo di spada, — rispose il baronetto.

— Capisco che nelle vene degli Halifax e dei Mac Lellan scorre quasi il medesimo sangue, però non potevate lasciarvi bucare. Comandante, cacciate le nuvole che coprono la vostra fronte con un paio di bicchieri di questo Medoc.

Poi, volgendosi verso mastro Taverna gli disse:

— Sei un pessimo taverniere. Hai del Medoc, che forse non bevono nemmeno Luigi XVI e Maria Antonietta, e non ce l'hai mai offerto.

— Medoc! — esclamò mastro Taverna. — Che cos'è?

— Anche questo l'ha comperato tuo padre?

— Sì, mio gentleman.

— Ecco, tuo padre in certi momenti doveva essere un gran buongustaio, ma quando non era ubriaco. Guarda se hai ancora di queste bottiglie, e mettile tutte a nostra disposizione, anche se sono cento.

— Ve lo prometto.

— Va' intanto a cercarne un'altra, poiché le bottiglie francesi sono piuttosto piccole, e quello che contengono non basta nemmeno ad un mozzo.

L'albergatore obbedì docilmente.

— E ora — continuò l'eterno chiacchierone — beviamo, comandante, alla salute della vostra graziosissima fidanzata... Giù, signore: questo Medoc scorre come l'olio.

Il Corsaro accettò il consiglio e vuotò il bicchiere.

— Ora che vi siete bagnata la lingua, comandante, discorriamo. Come faremo a tornare a bordo della corvetta, se la camera da mina è saltata? Quel passaggio ormai ci è chiuso.

— Volevo domandarlo a te — rispose sir William.

— Si potrebbe approfittare di qualche notte oscurissima per varcare le trincee e raggiungere la Mistica. Io e Piccolo Flocco andremo ad esplorare intorno alle fortificazioni per trovare il passaggio, senza correre il pericolo di farci fucilare.

— Bisognerebbe andarsene al più presto — disse sir William. — Non mi sento affatto sicuro nemmeno qui.

— Dubitereste di mastro Taverna? Se è così, scendo subito in cantina e gli taglio la lingua.

— Non è di lui che temo. È del soldato.

— Di quel ragazzone?

— Egli ti ha introdotto nella torre e ha bevuto con te. Se parlasse?

— Corpo d'una bomba! — esclamò il bretone. — Lì infatti sta il pericolo.

Il brav'uomo, che contava sempre sulla sua buona stella, si riprese subito ed aggiunse:

— È impossibile che quel pappagallo parli, perché se i suoi superiori sapessero che è stato lui ad introdurmi nel castello, lo fucilerebbero insieme col fratello.

— In fondo puoi aver ragione — rispose sir William — ma sarei più contento se mi trovassi fuori di Boston.

— Ci andremo, signore; non abbiate premura. La corvetta non corre alcun pericolo; qui i salsiciotti affumicati ed il buon vino non mancano; la miss è presso di voi, al sicuro dagli attacchi del marchese. Che cosa vorreste desiderare di più?

— Desidererei trovarmi sulla mia corvetta.

— Pazienza, comandante. Lasciate fare al vostro vecchio mastro. Per questa notte non c'è più nulla da fare, e credo che faremmo bene a chiudere nel nostro magazzino... Mastro Taverna! Viene sì o no questo Medoc? Vogliamo andare a dormire.

L'albergatore salì precipitosamente la scala, tutto affannato, e depose sulla tavola mezza dozzina di bottiglie, che portavano la loro brava etichetta ammuffita con tanto di «Medoc».

— Le ultime — disse. — Non ne ho trovate altre.

— Uhm; — esclamò il mastro. — Sempre le ultime. Domani verrò con te in cantina, e vedremo se non ce ne saranno altre. I tuoi occhi sono troppo grossi, perciò ti servono poco bene. Se fossi in te, andrei a chiedere consiglio ad un oculista.

— Me l'aveva detto anche mio padre.

— E non l'hai obbedito: male, male. Si devono sempre ascoltare i genitori.

I tre corsari, messi un po' di buon umore alla prima bottiglia, diedero lestamente fondo alla seconda, poi raggiunsero mastro Taverna che stava preparando loro i letti.

— Se la signora chiama — gli disse sir William — verrai subito ad avvertirmi. Questa notte non devi dormire.

— No, mio gentleman; ve lo prometto — rispose l'albergatore, prendendo al volo un'altra sterlina che gli aveva gettato il Corsaro.

— Se poi torna quel tedesco che ieri mattina è venuto a bere con me — aggiunse Testa di Pietra — mi verrai a svegliare. Tieni pronta una di quelle bottiglie, dove conservi i tuoi scorpioni.

— Vorreste berla?

— Io no, amico: bevo il Medoc. Sarà il soldato che manderà giù il tuo aguardiente scorpionato. Quel bravo ragazzo non ci farà caso.

Preceduti dall'albergatore, passarono nella loro stanza-magazzino, posate le pistole sui tavolini da notte, messe le spade e le sciabole sguainate in fondo ai letti, si gettarono sulle coperte, senza nemmeno togliersi i pesanti stivali, per essere più pronti a saltare in piedi e menare le mani nel caso che qualche pattuglia inglese fosse riuscita a scovarli.

Le bombe cadevano sempre su Boston, poiché gli americani durante la notte scavavano nuove parallele per ridurre al silenzio le batterie inglesi.

I corsari non se ne preoccupavano.

— Ci sono tante altre case da scoperchiare — aveva mormorato Testa di Pietra, girando sull'altro fianco. — Che debba proprio cadere una sopra le nostre teste?

Non aveva finito di parlare, che già russava come una vera marmotta.

Dormiva da cinque o sei ore quando una mano vigorosa lo scosse. Aprì gli occhi e vide sopra di sé mastro Taverna.

— Chi ti ha detto di svegliarmi così presto? — chiese.

— Così presto? Sono già le otto, gentleman.

— Potevi lasciarmi dormire fino a mezzogiorno e prepararci una colazione abbondante a base di salciccie affumicate.

— C'è il tedesco.

— Perbacco! — esclamò il bretone, slanciandosi dal letto. — Bell'affare!

Guardò il Corsaro e Piccolo Flocco: dormivano ancora.

— Lasciamo che si riposino — disse. — Me la caverò da solo.

Poi guardando il taverniere, gli chiese:

— Hai preparata la bottiglia piena di scorpioni?

— Due, mio signore.

— E salciciotti ne hai ancora?

— Posseggo una discreta provvista di carne di maiale, anzi, se volete, ho ancora un prosciutto che mi sono fatto mandare da Chicago.

— Tu o tuo padre?

— Io, io.

— Allora va' a dire al tedesco che fra cinque secondi sarò da lui. Prepara intanto la tavola. Qui, come vedi, si paga a colpi di sterline.

— Lo so bene.

— Va'.

Si ravviò rapidamente i capelli, si lisciò alla meglio la barba ispida, ringuainò la sciabola d'abbordaggio e si mise nella rosseggiante fusciacca la lunga pistola a due colpi, poi uscì in punta di piedi per non svegliare sir William.

— Per il borgo di Batz! — brontolò. — Come me la caverò con quel pappagallo?

Cacciò una mano nella fusciacca e fece saltare parecchi dollari.

— Hulrik è più avaro del notaio di Batz — disse. — Con questi mi prenderò non solamente la sua testa, ma anche la sua anima...

Si tirò su i calzoni, e lasciò la stanza-magazzino senza far rumore. Il soldato stava seduto dinanzi ad un tavolino, centellinando un miserabile bicchierino di gin.

Vedendolo, si era alzato dicendo:

— Pon giorno, patre! Aver dormito bene?

— Io? — esclamò Testa di Pietra. — Dormo sempre a casa mia, figliuol mio, e sempre in compagnia del catrame, delle àncore e delle gomene.

Il tedesco fece un gesto di stupore.

— E come? — disse.

— Che cosa? — chiese il mastro.

— Tu essere uscito dalla torre, patre?

— Avevo portato con me una solida corda, e di quella mi sono servito per calarmi giù senza che nessuno mi vedesse.

— Allora quella corda servire ai latri!

— A quali ladri? — chiese il mastro, fingendo di cadere dalle nuvole.

— Tu non sapere quello che è toccato a mio colonnello?

— Al tuo colonnello? Chi è?

— Il marchese d'Halifax.

— E dunque?

— Averlo quasi assassinato con un colpo di spada.

— E la mia fidanzata l'hanno pure uccisa?

— No, essere sempre viva, ma i latri avere portata via sua patrona.

— Erano ladri in carne ed ossa? Non ho mai udito parlare di tali individui.

— Io non sapere — rispose il tedesco, allargando le braccia.

— Corpo d'un albero fulminato! — esclamò Testa di Pietra, simulando il più grande stupore. — Che storia è questa?

— Patre, quando afere lasciata torre?

— Saranno state circa le dieci.

— Penissimo: altri afere subito approfittato tua fune.

— Infatti la cosa mi pare chiara. E hanno svaligiato la torre?

— No; solo patrona afere portato via.

— E la mia fidanzata, la mia dolcissima Nelly? Questa è strana! È morto il tuo colonnello?

— No, ma afere perduto molto sangue.

— Ah, se ne rimetterà dell'altro mangiando buone bistecche e bevendo Bordeaux. C'è qui mastro Taverna che possiede ancora qualche dozzina di bottiglie. Te ne farò dare un paio e gliele regalerai, ma non a nome mio, vè!

— Oh, io non parlare.

— Hai fame?

— Io afere sempre, patre: generale Howe non dare che mezza razione.

— Mentre per voi tedeschi ce ne vorrebbero due.

Il tedesco sorrise, facendo col capo un cenno affermativo.

— Mastro Taverna, — disse il bretone, volgendosi verso l'albergatore — dà da mangiare a questo bravo figliuolo; pago tutti io.

— Tu sempre pacare, patre — disse il soldato.

Il taverniere fu pronto a portare una libbra di prosciutto, una mezza dozzina di salciciotti, pane duro quanto le pietre ed una bottiglia.

— Mangia, figliuolo. — disse il bretone.

Il tedesco, dotato d'un appetito formidabile, compatibile d'altronde coi suoi venticinque anni e le magre razioni che il comandante della piazza passava ai suoi soldati, si era gettato sul prosciutto, impregnato di sale in modo detestabile e che doveva muovergli una sete inestinguibile. Testa di Pietra sturò la bottiglia e gli riempì il bicchiere che gli stava innanzi.

Un superbo scorpione montò subito a galla.

Il tedesco, occupato a far lavorare i suoi denti, non vi aveva fatto caso, ma quando prese la tazza, fece un gesto di sorpresa.

— Piccola pestia nera — disse, prendendola fra due dita. — Scorpione?

— Ma che scorpione d'Egitto! — rispose il mastro. — È una mosca nera della Gran Canaria.

— No, scorpione!

— No, no!

Il tedesco gettò via la bestiolina e vuotò il bicchiere succhiandosi le labbra.

— Ponissimo! — disse.

— Sfido io! È madera che costa un dollaro la bottiglia. Bevi pure figliuolo mio.

Il giovane non si fece pregare, ed un altro scorpione galleggiò nel suo bicchiere.

— Non badarci, figliuolo, — disse il bretone vedendolo esitare. Devi sapere che nel Madera, che viene dalla Gran Canaria, ci mettono appositamente dentro quel genere di mosche per dare al vino maggior forza e maggior sapore.

— Tu non pere con me, patre?

— Presi una volta, nella Gran Canaria, una sbornia così fenomenale, che mi ha fatto odiare per sempre, con mio grande dispiacere, il Madera.

— Capito — rispose il soldato, ridendo.

Levò anche il secondo scorpione, tracannò, assaltando poi subito i salsicciotti.

Testa di Pietra si era fatto portare una bottiglia di Medoc, che aveva fatto sturare dopo l'aguardiente, e spiava attentamente il soldato, stupito che resistesse così tenacemente a quel liquore di nuovo genere, che doveva contenere principii tossici.

— Se mangia le candele fuse dentro la minestra — brontolava fra sé — può bere anche quel Madera, che viene, viceversa, dal Messico.

Il tedesco, intanto continuava a divorare le durissime pagnotte che dovevano sembrargli biscotti. Di quando in quando s'interrompeva, si empiva il bicchiere, e beveva fino all'ultima stilla.

Era giunto al quinto salsicciotto, quando Testa di Pietra lo vide rovesciarsi sulla spalliera della sedia, colle braccia penzoloni e il viso congestionato.

— Che sia avvelenato, o colto da ubriachezza fulminante? — si chiese Testa di Pietra un po' inquieto. — Non è la sua pelle che voglio; bensì il suo vestito.

Prese la bottiglia e la capovolse: era completamente vuota.

— Per il borgo di Batz! — esclamò. — Un litro d'aguardiente in meno di venti minuti. Sfido io! Nemmeno un vecchio marinaio avrebbe potuto resistere. È vero che ha in corpo una buona libbra di prosciutto, quattro salsicciotti e non so quante pagnotte... Mastro Taverna, bada che non cada.

Testa di Pietra si slanciò nella stanza-magazzino, e trovò Piccolo Flocco seduto sulla sponda del letto che fumava tranquillamente.

— E il capitano? — chiese subito il bretone.

— È salito dalla miss per augurarle il buon giorno. E tu, l'hai finita col tuo tedesco?

— Vieni a vederlo, e aiutami.

Tornarono insieme nella taverna. Il soldato pareva morto; non respirava nemmeno più.

— Ah, corpo d'una bombarda! — esclamò il bretone, grattandosi la testa. — Che l'abbia proprio avvelenato? Non dovevo giocargli questo tiro; ma anche lui poteva bere un po' meno. Che te ne pare, mastro Taverna?

L'albergatore scosse il capo, poi rispose:

— Non so.

— E se fosse proprio morto?

— Lo vado a seppellire in cantina sotto l'ultima botte. Ne abbiamo abbastanza di questi tedeschi, che ci piovono addosso da tutte le parti come lupi affamati.

— Ecco un parlare d'oro! — disse il bretone. — Non credo però che questo bravo ragazzo abbia già rimandata la sua anima al di là dall’Atlantico. Sono resistenti questi giovanotti. Orsù aiutatemi a portarlo a letto. Mi occorrono le sue vesti.

— Per farne che cosa? — chiese Piccolo Flocco.

— Lo saprai dopo.

Sollevarono il soldato, che pesava quanto un giovane toro, lo portarono nella stanza magazzino, lo spogliarono della sua divisa e lo cacciarono sotto le lenzuola.