I poeti son oggi salmonei

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gasparo Gozzi

XVIII secolo I Sonetti letteratura I poeti son oggi salmonei Intestazione 15 aprile 2008 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 

I poeti son oggi salmonei,
che imitan Giove nel romor dei tuoni.
La poesia è lampi e nuvoloni
non han freno i cavalli pegasei.

5Apollo va gridando: "o asso o sei!"
Voi volete esser tristi, o esser buoni,
far gargagliate, ovvero far canzoni?
Sturatevi gli orecchi a' detti miei.

Cantate solo quando il cor si desta:
10non vi spremete ognor concetti e sali,
collo strettoio, fuori della testa.

Studiate i sentimenti naturali,
e fate che uno stil vario li vesta,
e che or s’alzi al bisogno ed ora cali.

15Lo star sempre sull'ali,
non lascia andar del pari col soggetto,
né ben vestir le immagini col detto.

Avrò sempre a dispetto
quell’armonia, che ognor suona a distesa,
20come fan le campane di una chiesa.

Ma, sanamente intesa,
corre col cervo , è lenta col bue lento,
mormora col ruscel, fischia col vento.

Compassate l'accento,
25ch' or qui, or qua lo stile affretti o aggravi.
Queste dell' armonia sono le chiavi".