Il Furlàn

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Francesco Bierti Arturo Zardini 1920 I Canti cantastoria Il Furlàn Intestazione 21 dicembre 2009 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Di chel sanc che menât vie
dal Lusìnz al mar lontan,
un riù lunc par qualchi mie,
l è sanc nestri, sanc furlàn.



2 E sul Plâf, fra tantis penis
pe famee, pal tet piardût,
miez il sanc des nestris venis
i gravòns nus àn bevût.



3 O furlàn! ti àn dât de spie
dal Todèsc e dal Croàt!
O furlàn! ch'ere bausie
ti à tocjât mostrâ cul fat.



4 Dismentee, furlàn, le cere
torni sùbit come prin,
je plantade la bandiere
su San Just e sul Trentìn-


Traduzione

Di quel sangue che portato via
 ha l’Isonzo sul mare, lontano,
è un rio lungo per qualche miglio
è il sangue nostro, sangue friulano

2E sul Piave fra tante pene,
per la famiglia, per il tetto perduto,
metà il sangue delle nostre vene
i ghiaioni ci han bevuto.

3 Oh friulano ti han dato della spia,
del tedesco e del croato (inteso come slavo)!
Oh friulano, che fosse una bugia
t’è toccato mostrarlo coi fatti!

4 Dimentica, friulano! la (tua) cera
torni subito come prima:
è piantata la bandiera
su San Giusto e sul Trentino!