Il Saggiatore/Dedica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dedica

../ ../Prefazione IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% saggi

Il Saggiatore Prefazione
ALLA SANTITÀ DI N. S.
PAPA URBANO OTTAVO


In questo universal giubilo delle buone lettere, anzi dell’istessa virtù, mentre la Città tutta, e spezialmente la Santa Sede, più che mai risplende per esservi la Santità Vostra da celeste e divina disposizione collocata, e non vi è mente alcuna che non s’accenda a lodevoli studi ed a degne operazioni per venerare, imitando, essempio sì eminente, vegniamo noi a comparirle davanti, carichi d’infiniti oblighi per li benefizii sempre dalla sua benigna mano ricevuti, e pieni di contento e d’allegrezza per vedere in così sublime seggio un tanto padrone essaltato. Portiamo, per saggio della nostra divozione e per tributo della nostra vera servitù, il Saggiatore del nostro Galilei, del Fiorentino scopritore non di nuove terre, ma di non più vedute parti del cielo. Questo contiene investigazioni di quegli splendori celesti, che maggior maraviglia sogliono apportare. Lo dedichiamo e doniamo alla Santità Vostra, come a quella c’ha l’anima di veri ornamenti e splendori ripiena, e c’ha ad altissime imprese l’eroica mente rivolta; desiderando che questo ragionamento d’inusitate faci del cielo sia a lei segno di quel più vivo ed ardente affetto che è in noi, di servire e di meritare la grazia di Vostra Santità. Ai cui piedi intanto umilmente inchinandoci, la supplichiamo a mantener favoriti i nostri studi co’ cortesi raggi e vigoroso calore della sua benignissima protezione.

Di Roma, li 20 di Ottobre 1623.
Della Santità Vostra

Umilissimi ed Obligatissimi Servi
GLI ACCADEMICI LINCEI