Il canto di Ebe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

Francesco Paolo Frontini 1877 Canti cantastoria Il canto di Ebe
(dal Canto quarto del Lucifero) Intestazione 29 aprile 2011 75% Poemi

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Date a la terra i fiori,
Date i coralli al mar,
Ad ogni cor gli amori,
4Ad ogni dio l’altar.

Abbia ogni nembo un’iride,
Ogni astro i suoi splendori;
Date a la terra i fiori,
8Date i coralli al mar.

Ma, rieda il verno o il maggio,
Mesta e soletta io son;
Muto è del cielo il raggio,
12Triste è de l’arpa il suon;

Qual vana ala di zeffiro
Passo nel mio viaggio,
E, rieda il verno o il maggio,
16Mesta e soletta io son.
                                                                   
O immagini lucenti
Di più felici dì,
Sogni de l’arte ardenti,
20Il vostro april sfiorì;
 
Invan chiedo le olimpiche
Forme a le nuove genti,
O immagini lucenti
24Di più felici dì.

La giovinezza, il riso,
Le grazie ed il piacer
Fuggon tremanti al viso
28De l’inamabil Ver;
 
Fuggon su l’ali rosee
Del vago error conquiso
La giovinezza, il riso,
32Le grazie ed il piacer.


Musica di Francesco Paolo Frontini, ed. Ricordi 1883


Testi correlati