Il libro dell'arte/Capitolo CLXXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo CLXXXVII

../Capitolo CLXXXVI ../Capitolo CLXXXVIII IncludiIntestazione 4 aprile 2016 75% Da definire

Capitolo CLXXXVI Capitolo CLXXXVIII

[p. 141 modifica]

Capitolo CLXXXVII.

Dell’improntare figurette di piombo, e come si moltiplicano le impronte col gesso.


Se volessi improntare figurette di piombo o d’altri metalli, ugni le tue figure, e improntale in cera, e [p. 142 modifica]tale di quel che vuoi: o vero che in tavola ti bisogna alcun rilievo, come teste di uomini e di lioni o di altri animali, o figurette piccole. Lascia seccare la ’mpronta che hai fatto di cera: poi l’ungi bene con olio da mangiare, o vuoi da bruciare. Abbi il gesso sottile o grosso, macinato con colla un poco forte: butta di questo gesso caldo sopra la detta impronta: lascialo freddare. Freddo che è, con la punta del coltellino dispartisci un poco di questo gesso dalla impronta. Poi in su questo spartito soffia bene forte. Ricevi in su la mano la tua fìguretta di gesso: e sarà fatta. E per questo modo ne puoi fare assai: e serbatele. E sappi, ch’è migliore farne di verno, che di state.