Il materialismo storico e la sociologia generale/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV.

../III/I fenomeni morali, religiosi, artistici, scientifici ../V IncludiIntestazione 3 giugno 2008 75% Sociologia

III - I fenomeni morali, religiosi, artistici, scientifici V


Vi è ancora un altro compito che la sociologia generale deve assolvere e che sfuggiva al Materialismo storico. Anche considerando, siccome dobbiamo fare, almeno a principio, ciascuna attività più complessa come un semplice mezzo per conseguire gli scopi delle strutture e delle attività precedenti, e tutte come semplici mezzi di quella economica, non si può disconoscere che appunto per virtù di questo rapporto, quando altro non ci sia, ciascuna reagisce sulle precedenti e tutte sulla più fondamentale. Infatti se un fenomeno B sorge per lo scopo (o si adatta allo scopo) di conservare od accrescere o rafforzarne un altro A, si avrà per effetto un dippiù nell’intensità o nell’estensione o nella composizione di questo altro. Or il dippiù non è spiegabile senza il fenomeno più complesso, e, tolto questo, anche quello può sparire1. Si avverta inoltre che su questa complicazione e su questo intreccio del fenomenoAcol fenomenoBsi assidono nuovi strati dello stesso fenomenoA.

I seguaci del materialismo storico, intenti a dimostrare la fondamentalità del fatto economico ed a porre in rilievo l’azione ascendente di questo su tutti gli epifenomeni nelle società capitalistiche e storiche, non potevano intraprendere di proposito lo studio delle reazioni subite da lo stesso fenomeno economico, salvo il riconoscerle spesso, anco senza volerlo2. Ma siccome, le società capitalistiche e storiche sono appunto quelle in cui la struttura economica si presenta come il risultato complesso non solo delle condizioni e dei motivi economici, ma anche dello sviluppo storico di qualche altra attività più complessa (per es. la schiavitù come il prodotto anche della guerra, l’industria meccanica odierna come un effetto anche della scienza, ecc.); ognuno vede come, tenendosi di mira soltanto quelle società, malagevole dovesse riuscire persino la dimostrazione della fondamentalità del fatto economico.

Quantunque le reazioni, la complicazione e l’intreccio dei fenomeni nelle società sieno di gran lunga minori che negli organismi, pur esistono del pari e la scienza non può in verun modo trascurarle.


Note

  1. Esempio: tutti i matrimoni resterebbero oggi, se si togliesse l’obbligo dell’indissolubilità? e l’attuale forma capitalistica dovrebbe ancora parecchi anni, se si togliesse di mezzo ogni struttura giuridico–militare?
  2. Vedansi per esempio le opere storiche del Ciccotti.