Il tombone di San Marco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Turati

1886 T poesie letteratura Il tombone di San Marco Intestazione 11 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Sul gorgo viscido
chiazzato e putrido
sghignazza un cinico
raggio di sol;
quali augei profughi 5
fantasmi lividi
mesconsi, riddano,
levansi a vol.

Son baldi giovini
spenti, con vacue10
forme, son vedove
tristi beltà;
carcami squallidi
di vecchi, macabre
parvenze, ruderi 15
d'umanità.

Quante speranze
cessar le danze,
quante esultanze
fransero qui!20
Che mondi vividi
di luce e iliadi
d'affanno il baratro
cupo inghiottì!

Singhiozzi e rantoli,25
ghigni frenetici,
empi monologhi,
beffardi suon',
ritmo satanico,
dal gorgo erompono;30
il gorgo brontola
la sua canzon.

O gorgo, o luteo
gorgo magnetico,
o sciame lugubre,35
che vuoi da me?
Voglio i dolori
gli spenti amori,
gli altri livori
che porti in te.40

Scendi con essi!
Ne' miei recessi,
tra i freddi amplessi
ammaliator'
della sirena45
che l'incatena,
tace la pena,
cessa il dolor.

Gorgo maligno,
torvo, ulivigno,50
gorgo sanguigno,
vaneggi tu?
Se un giorno amante
ti fui, l'istante
volge incostante 55
quel tempo fu.

Invan mi affascini,
gorgo; le torpide
malie mi prodighi,
sirena, invan; 60
la luce adoro,
amo e lavoro,
mi canta un coro
lieto il doman.

Ah! Se mai languano 65
nel cuor le imagini
care che irradianmi
la via fatal,
e della vigile
fede che accondemi 70
i gufi stridano
il funeral,

soavi tossici,
tremendi fascini,
a me l'oblivio75
rifiorirà;
chiamami, o gora;
quella che fia l'ora;
non vano allora
l'appel sarà.80