L'amaro calice/Cappella in campagna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cappella in campagna

../Rime del cuore morto ../Il cuore e la pioggia IncludiIntestazione 8 luglio 2008 75% Poesie

Rime del cuore morto Il cuore e la pioggia



I


Giù dall’antica grata, estenuati
i fiori morti, su l’altare, il Santo,
dolcissimo nel suo nitido manto,
con gli occhi un po’ velati, un po’ velati

5forse, chi sa, da qualche umano pianto;
due ceri gialli, senza fiamma, a i lati,
due ceri senza fiamma, inanimati,
come i cuori che mai sepper lo schianto.

La ghirlandetta d’una verginella,
10sfiorita a pena a pena, intorno a i biondi
capelli di una nitida madonna;

nel mezzo, una colonna; una colonna
sfinita, in essa un pio nido di rondini,
solo, coperto d’erba tenerella.


II


15Venni non so per quale sogno assai
dolce al mio cuore umile; fu ieri
mattina; volli portare due ceri
nuovi, due ceri bianchi come mai

e due rose — ho i miei piccoli rosai
20anch’io — due rose bianche come i ceri;
sembravano fiorite in monasteri
chiuse, le rose, in languidi rosai.

Oh la fiamma purissima, oh il profumo
novo ch’io seppi nella breve stanza
25che la mano soave ricompose!

La Madonna, un po’ triste fra le rose,
disse: Che vale tua dolce esultanza
s’io per dolore sempre mi consumo?


III


Su i candelabri, i ceri arsero in pura
30fiamma, come due cuori amanti; tutti
arsero, e per un poco su i distrutti
avanzi andò la fiamma malsecura.

Nell’aria fu un odor di sepoltura
e il cuore ripensò tutti i suoi lutti,
35come il pesco ripensa i dolci frutti
nella feconda estate moritura.

Le rose giovinette, ne la pia
solennità, esalarono la breve
anima; oh gli atti e le preghiere vane!

40Quanta tristezza scese nella mia
anima, quando da non so qual pieve
giunse pei cieli un suono di campane!


IV


Una fascia di sole, ancora; una
striscia, un filo sottile, una chiarezza
45indefinita, un’ultima allegrezza
di luce, poi l’ombra, bruna, più bruna,

più nera. Ho nel cuore una tristezza
intensa immensa come mai nessuna
tristezza; oh non potrebbe ora la luna
50scendere un poco da la dolce altezza?

Distinguo a pena la Madonna, ha immoti
gli occhi lucidi come lame, come
le sette spade che le stanno in cuore;

intorno, un po’ d’argento luce: i voti
55de gli umili, de i buoni senza nome
ch’ebbero ancora fede nel dolore.