L'amaro calice/Toblack

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Toblack

../A Carlo Simoneschi ../La chiesa venne riconsacrata IncludiIntestazione 10 luglio 2008 75% Poesie

A Carlo Simoneschi La chiesa venne riconsacrata

 


I


...E giovinezze erranti per le vie
piene di un grande sole malinconico,
portoni semichiusi, davanzali
deserti, qualche piccola fontana
5che piange un pianto eternamente uguale
al passare di ogni funerale,
un cimitero immenso, un’infinita
messe di croci e di corone, un lento
angoscioso rintocco di campana
10a morto, sempre, tutti i giorni, tutte
le notti, e in alto, un cielo azzurro, pieno
di speranza e di consolazione,
un cielo aperto, buono come un occhio
di madre che rincuora e benedice.


II


15Le speranze perdute, le preghiere
vane, l’audacie folli, i sogni infranti,
le inutili parole de gli amanti
illusi, le impossibili chimere,

e tutte le defunte primavere,
gl’ideali mortali, i grandi pianti
20de gli ignoti, le anime sognanti
che hanno sete, ma non sanno bere,

e quanto v’ha Toblack d’irraggiungibile
e di perduto è in questa tua divina
terra, è in questo tuo sole inestinguibile,

25è nelle tue terribili campane,
è nelle tue monotone fontane,
Vita che piange, Morte che cammina.


III


Ospedal tetro, buona penitenza
per i fratelli misericordiosi
30cui ben fece di sé Morte pensosi
nella quotidiana esperienza,

anche se dal tuo cielo piova, senza
tregua, dietro i vetri lacrimosi
tiene i lividi tuoi tubercolosi
35un desiderio di convalescenza.

Sempre, così finché verrà la bara,
quietamente, con il crocefisso
a prenderli nell’ultima corsia.

A uno a uno Morte li prepara,
40e tutti vanno verso il tetro abisso,
lungo, Speranza! la tua dolce via!


IV


Anima, quale mano pietosa
accese questa sera i tuoi fanali
malinconici, lungo gli spedali
45ove la morte miete senza posa?

Vidi lungo la via della Certosa
passare funerali e funerali;
disperata etisia degli Ideali
anelanti la cima gloriosa!

50Ora tutto è quieto: nelle bare
stanno i giovini morti senza sole,
arde in corona la pietà de’ ceri.

Anima, vano è questo lacrimare,
vani i sospiri, vane le parole
55su quanto ancora in te viveva ieri.