L’inverno ovvero La provvida pastorella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Metastasio

XVIII secolo I Poesie letteratura L’inverno ovvero La provvida pastorella Intestazione 15 aprile 2013 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Perché, compagne amate,
Perché tanto stupor? Che avvenne al fine?
Il verno ritornò! Grande, inudito
Veramente è il disastro: e non potea
5Prevedersi da noi. Deh un tal portento
D'esagerar cessate. Al guardo mio
Forse esposto non è? Nol veggo anch'io?
So che il bosco, il monte, il prato
Non han più che un solo aspetto:
10Che gelato il ruscelletto
Fra le sponde è prigionier.
Dal rigor del freddo polo
Sento anch'io qual aura spiri:
So che agghiacciano i respiri
15Su le labbra al passaggier.
Ma che perciò? Ne' miei tiepidi alberghi,
A dispetto del verno, aure temprate
Forse non respirate? Ad onta forse
Dell'avaro terreno, i fiori, i frutti
20Delle stagion più liete
Qui abbondar non vedete? E se tremate
Nelle vostre capanne, e se di tutto
Là soffrite difetto,
Ne ha colpa il verno? Alle stagioni amiche
25Perché non imitarmi? Allor che intesa
Er'io d'aridi rami a far tesoro,
Sul faggio e su l'alloro
Ad incider perché di Tirsi il nome
Perdeva i dì la spensierata Irene?
30Dalle campagne amene al mio soggiorno
Quand'io facea ritorno
Di grappoli e di pomi onusta il seno,
Perché del suo Fileno
Nice di selva in selva
35Correa gelosa ad esplorare i passi?
Quando provvida io trassi
A' miei tetti le spiche in fasci unite,
Su le sponde fiorite
D'ombroso stagno a che d'Elpino al fianco
40I pesci Egle insidiar ne' lor ricetti?
Di cure sì diverse ecco gli effetti.
Non v'insulto, o compagne: anzi alla vostra
Negligenza degg'io tutto il più caro
Frutto de' miei sudori,
45Ch'è il piacer di giovarvi. Oh me felice!
Se l'istesso amor mio, che or vi difende,
Pròvvide ancora in avvenir vi rende.
Chi vuol goder l'aprile
Nella stagion severa,
50Rammenti in primavera
Che il verno tornerà.
Per chi fedel seconda
Così prudente stile,
Ogni stagione abbonda
55De' doni che non ha.