La Buffa/II. Oslavia/Oslavia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../

../../III. Istantanee della Buffa IncludiIntestazione 6 febbraio 2015 100% Da definire

II. Oslavia III. Istantanee della Buffa
[p. 25 modifica]

OSLAVIA


                          Stavamo allora, a riposo:
                          si era appena finito
                          un turno di trenta giorni,
                          attendati dentro Medana,
                          felici, perchè l'azione
                          se la facevano gli altri,
                          ed anche, perchè era il caso
                          di pensare a mille cose:
                          forse qualche pastora,
                          qualche donna,
                          — c'erano donne a Medana,
                          magari di cinquant'anni —
                          qualche fiasco di Ruffino,
                          e intanto poteva finire,
                          mentre gli altri attaccavano il monte.

                          Si vedeva in lontananza,
                          fumando placidamente

[p. 26 modifica]

                          la pipa o mezzo toscano,
                          così come un colonnello
                          d'alto stato, o un generale,
                          le fiamme sul Sabotino,
                          le vampe sul Monte Santo,
                          e il vent'uno del mese di ottobre
                          le fanterie all'assalto.
                          I cannoni nostri sparavano:
                          tutti i nostri 65
                          e qualche 210.
                          Si sentivano le mitraglie
                          che cantavano da lontano:
                          certamente questa volta
                          si pensava, andiamo a Gorizia.

                          Ma il giorno ventitré
                          arriva il bollettino:
                                        «Respinti su tutta la linea,
                                        bisogna rifare l'azione!»

[p. 27 modifica]

            E Il giorno ventiquattro
            ci dissero:
                          «Andiamo a Cerovo,
                          andiamo per essere pronti
                          a presidiare Gorizia!»

            Le truppe non tremarono;
            bestemmiarono tutti i Santi,
            si raccomandarono a Dio,
            e fatto zaino in spalla,
            uno intonò la canzone:
            — canta che ti passa —
            «addio Medana bella,
            addio Marianca mia,
            stavolta non c'è scampo;
            la Buffa parte via!»

***


            E il giorno venticinque
            andammo oltre Cerovo,

[p. 28 modifica]

                          e infine, il ventisette,
                          s'inizia l'ultima marcia.
                          La notte, senza strade,
                          la via del Sabotino,
                          attaccati l'uno all'altro,
                          la nostra colonna saliva,
                          intralciata dai battaglioni
                          cui si andava a dare il cambio.

                          27!... 33!...
                          Com'è andata?…
                          Nessuna risposta!
                          Ogni tanto una bestemmia!
                          Si beveva l'acqua dei fossi.
                          Finalmente al primo chiaro,
                          una voce, come di Dio,
                          finalmente: «Zaini a terra!»

                          «Qui c'è l'acqua»,
                          «Qui c'è il fango»,

[p. 29 modifica]

                          ma nessuno pensa alla vita,
                          e ciascuno, silenzioso,
                          si assopisce inebetito.

                          Ma ad un tratto una voce tagliente:
                          «Il rotolo! il tascapane!
                          I viveri di riserva!
                          Lasciamo gli zaini a terra!»
                          Ancora le bestemmie
                          incrociate dalle voci:
                          «Lo zaino»!... «Le scatolette»!...
                          «Le coperte»!... «Le cartucce»!...
                          «Le baionette in canna»!

                          Si sale i plotoni per uno.

***


                          A nord della montagna
                          attaccavano i toscani,
                          senza neanche parlare:
                          non parevano fiorentini!

[p. 30 modifica]

                          Attaccavano come il vent'uno,
                          sulla medesima via,
                          glielo dicevano i morti,
                          lasciati in collegamento.
                          Del resto anche gli austriaci
                          — si attaccava sempre in un posto —
                          ci voleva davvero poco,
                          lo avevano capito,
                          ci battevano furiosi
                          coi cannoni e la mitraglia.
                          Il colonnello Bonamici pensava:
                                        «Devo uscire?»
                          Anima di ufficiale,
                          pensava ai suoi soldati.
                          Ma il generale Trombi,
                          la rivoltella in pugno,
                          gli disse:
                                        «Colonnello!
                                        C'è l'ordine d'attacco!»
                          E il colonnello grande
                          come un granatiere,

[p. 31 modifica]

                          gridò, con una voce
                          che spaccava la montagna,
                          l'avanti al battaglione;
                          uscì dalla trincera,
                          e cadde colpito in fronte,
                          appena fuori del varco.

                          Ma il generale Trombi
                          piccolino, tutto nervi,
                          continuò la sua via:

                                        «Avanti! Avanti! Vigliacchi!»

                          Gli disse un suo ciclista:
                                        «Quel soldato non si imbosca;
                                        è morto, generale!»

                          Ma il generale Trombi
                          continuò la sua via,'
                          fuori delle trincere
                          come un caporale:
                          quel giorno restò vivo;
                          morì, mi dissero, dopo,

[p. 32 modifica]

                          sotto il Lenzuolo Bianco,
                          portando i plotoni all'assalto.

                          Anche il mio colonnello
                          tremava per i soldati,
                          tremava, perchè vedeva
                          che poco si combinava.
                          La barba brizzolata,
                          alto, un poco curvo,
                          montanaro piemontese,
                          in piedi, allo scoperto,
                          dette la voce:
                                        «Avanti! Brigata Lombardia!»
                          Noi eravamo al centro,
                          arrivammo a mala pena
                          sotto le trincere
                          tenute dal nemico.

***


                          Il mio attendente Marchese
                          mi disse: «Spirante Barni,

[p. 33 modifica]

                          aggio truvata 'na buca,
                          'nu fifausse proprio scicche.
                          Vieni appresso ammè!»
                          Non lo sentii nemmeno:
                          guardavo a capo scoperto
                          oltre i massi rocciosi,
                          guardavo dentro Gorizia
                          le batterie nemiche
                          che i nostri non battevano,
                          chè Gorizia era italiana.

                          Un soldato tra le mie gambe,
                          colpito da un bossolo intero
                          che gli aveva portato via
                          mezzo chilo di carne
                          dalla gamba destra,
                          gridava ai suoi compagni
                          che gli arrestavano il sangue
                                        «Amici, ho salva la ghirba.
                                        Amici, amici coraggio!
                                        Io vado all'ospedale!»

[p. 34 modifica]

***


                          C'erano molti morti
                          della brigata Firenze:
                          la sera restammo pochi
                          sul Monte Sabotino.
                          Ma Vennero i granatieri,
                          i fanti prolungati,
                          dal sud della montagna;
                          Venivan disciplinati
                          come soldati di piazza.
                          Gli ufficiali studentelli:
                          «A destra, a sinistra stendetevi!...
                          a tanti e tanti passi!»
                          proprio così come a Modena —
                          ai fanti del fango di Peuma,
                          del fango di Podgora
                          sembravano coscritti.

                          La notte restammo pochi,
                          sul Monte Sabotino,
                          la notte stemmo fermi.

[p. 35 modifica]

                          Udivo il brusio delle voci:
                                        «Dov'è la mia compagnia?»
                          chiedevano i dispersi.
                                        «Mamma, mamma mia...
                                        Mamma!... portaferiiiti»!...
                          Il mio portaferiti
                          voleva curare i suoi,
                          quelli del suo plotone.
                          Gli dissi:
                                        «Cura anche gli altri!»
                          Mi disse:
                                        «Non ho più cotone».
                          Gli detti la mia camicia.
                          La notte ancora... «feriiiiti»
                                        «Mamma, mamma mia!»
                                        Lo scoppio delle granate!
                                        La voce del Sabotino!
                          Udii ancora un'ultima volta:
                                        «Chi va là?» - con voce maschia.
                          Poi più nulla: mi prese il sonno.

[p. 36 modifica]

***


                          A notte mattutina,
                          venne l'ordine di rientrare:
                          scendemmo ch'era già l'alba,
                          la furia s'era calmata.
                          All'alba rompemmo le righe:
                          soldati ed ufficiali
                          sui sassi, stesi a terra,
                          all'addiaccio come i muli.

                          Non era passata un'ora:
                          nuov'ordine di battaglione.
                          Il capitano Oggiani
                          mi disse:
                                        «Bisogna riandare!»
                          Bisogna riandare ancora...
                          dove eravamo arrivati
                          il giorno prima, perdendo
                          interi battaglioni!
                          Che dire a quei soldati?...
                                        «Adunata... per l'assalto!»

[p. 37 modifica]

                          Stentavano a levarsi,
                          i sergenti mormoravano,
                          i soldati mi guardavano,
                          come il loro carnefice.
                          lo non dicevo nulla!
                          Cosa, potevo dire,
                          volontario della mia morte
                          che non volevo la loro?

                          Ma vidi allora tra i ranghi
                          il mio attendente Marchese;
                          gli chiesi, tanto per dire:
                                        «Dimmi, patatone!
                          dove sei stato da ieri
                          che non t'ho visto un momento
                          durante tutta l'azione?»
                          Mi rispose il soldato Marchese,
                          ridendo, mostrando i denti
                          della sua bocca nera:
                                        «Spirante, songo state
                          tutto 'o tiempo appriesso a te,

[p. 38 modifica]

                          e quando hai detto ai soldati:
                          «Avanti, avanti ragazzi...
                          ancora trenta passi!
                                        Spirante, me si sembrato
                          proprio 'nu capetano!»
                          Io risi, e quell'uscita
                          mi mise in allegria;
                          io risi e dissi ai soldati:
                                        «Vedete sto patatone,
                          se lascia la pelle lui,
                          vi giuro me ne fotto,
                          ma mi dispiace per voi!
                          Io non so dirvi altro...
                          E poi... non ci badate,...
                          forse, nemmeno si va...
                          si muore anche nel letto...
                          in fondo, siamo giovani:
                          la prima pallottola a me!…
                          Non ci pensate, ragazzi...
                          lasciate che il mondo dica:
                                        «Evviva, evviva la .....!

[p. 39 modifica]

                          E i soldati sorrisero,
                          e quando i soldati ridono,
                          son buoni: non sanno ridere
                          che con il cuore sincero,
                          così come quando cantano.

***


                          Ci sedemmo tutti quanti:
                          agli altri toccava di uscire,
                          a due altre compagnie,
                          a noi la terza ondata.
                          Ormai, speranze inutili
                          nessuno più le aveva:
                          si era rassegnati
                          a fare quattro salti,
                          e si aspettava la morte,
                          o meglio, non si aspettava
                          neanche più di morire,
                          proprio così come te,
                          che leggi questo giornale.

[p. 40 modifica]

                          Ma in quella arriva di corsa,
                          a turbare il nostro coraggio,
                          l'aiutante maggiore in 2ª,
                          seguito da quattro ciclisti.
                          Ci dice, la voce rotta:
                                        «Ragazzi, a posto! alle armi!
                                        pulitevi le scarpe!
                                        Arriva il generale!»
                          E impallidimmo tutti,
                          ci toccammo le stellette:
                          qualcuno meno istruito
                          si fece la Santa Croce.

                          E venne il generale Fara,
                          arrivò sulle trincere:
                          voleva vedere i soldati
                          partire all'assalto del monte;
                          ma uno shrapnell di Dio
                          lo prese leggermente,
                          credo sia ancora vivo,
                          e... così Iddio l'aiuti!

[p. 41 modifica]

                          Fu lui che ci ha salvata
                          la Vita a tutti quanti;
                          mentre si stava uscendo,
                          arrivarono i ciclisti:
                                        «L'assalto per oggi è sospeso!»

***


                          La sera del ventinove,
                          si stette tutti a dormire,
                          faceva tanto freddo
                          dentro la Valle di Dol;
                          e il trenta ottobre salimmo
                          la via del nostro ritorno:
                          facemmo la via del mulino
                          e il ponticello di legno.
                          Ma giunti che fummo a Snezatno,
                          ci spostammo su Valerisce,
                          la brigata Pistoia, mi pare,
                          attaccava ancora il Podgora.
                          Noi si stava di rincalzo,
                          era freddo, senza mangiare;

[p. 42 modifica]

                          s'aspettavan le marmitte
                          e arrivavano le granate.
                          Seduto in mezzo alla pioggia,
                          parlavo con i soldati:
                          dicevamo della guerra,
                          se si doveva fare...
                          che c'erano gli imboscati...

                          e se si ritornava,
                          allora appena, allora...
                          Ogni tanto li interrompevo:
                          dicevo del dovere
                          che aveva ogni soldato,
                          di obbedire silenzioso
                          di servire il suo paese;
                          dicevo che c'era un trentino
                          che si chiamava Battisti,
                          che c'era un romagnolo,
                          Benito Mussolini;
                          che una volta avevo una casa
                          una mamma, una ragazza;

[p. 43 modifica]

                          e ancora che c'era Trieste
                          più bella di Gorizia.

                          E i soldati mi ascoltavano,
                          come i bimbi il cantastorie,
                          qualcuno la bocca aperta,
                          ed altri gli occhi socchiusi,
                          lentamente, s'addormentava
                          sognando un focolare
                          per riscaldarsi le ossa,
                          o per fumare la pipa,
                          e tante faccie care,
                          sedute tutte all'ingiro,
                          che parlavano delle vacche,
                          dei cavalli e del «ricolto».

                          Così passavano le ore
                          in mezzo alla pioggia d'autunno,
                          aspettando qualche cosa
                          che nessuno sapeva dire.

[p. 44 modifica]

***


                          Gli artiglieri dissero a sera:
                                        «Abbiamo l'ordine di
                                                                                [allungare!»
                          E allora noi ci movemmo;
                          gli zaini sopra le spalle.
                          Era una marcia terribile,
                          in mezzo a convogli pesanti
                          che portavano munizioni;
                          ogni tanto un alt! senza tempo,
                          le bestemmie dei conducenti,
                          un alt! perchè la strada.
                          era ingombra di cavalli.
                          Una corsa e... ancora fermi,
                          e un'altra corsa ancora:
                          le schiene dei soldati
                          scricchiolavano come i basti
                          dei muli portacassette.
                          Così arrivammo sfiniti
                          dentro S. Floriano.

[p. 45 modifica]

                          C'erano ancora case:
                          chi infilò qualche portone,
                          chi si stese dentro una stalla
                          beato come nel letto.
                          lo feci il sonno più bello
                          di tutta la mia vita,
                          dentro una barella
                          ancora insanguinata.

***


                          Il giorno due novembre,
                          si stava seduti all'alba,
                          vicino alle marmitte,
                          bevendo il caffè caldo,
                          quando arrivò la voce:
                                        «Si mangia e poi si parte!»

                          C'erano delle case
                          sulle ultime pendici
                          di Monte Sabotino

[p. 46 modifica]

                          che, viste da lontano,
                          nelle giornate di sole,
                          sembravano il bucato,
                          steso dalle massaie:
                          i soldati le chiamavano:
                          «Il lenzuolo bianco».
                          Là, sotto quelle case,
                          attaccava il settantaquattro
                          e venne l'ordine a noi
                          di partire di rincalzo.
                          A mala pena si mangia,
                          e poi, al passo di corsa,
                          le baionette inastate,
                          si corse da S. Floriano
                          in direzione di Oslavia.
                          Le trincere abbandonate,
                          scendevano i prigionieri,
                          dicevano i soldati:

                                        «Finalmente vi vediamo!»

[p. 47 modifica]

                          Il terreno era allagato,
                          io distendo il mio plotone,
                          le gambe dentro l'acqua,
                          aspettando senza parole
                          che venisse l'ordine a noi
                          di proseguire la marcia,
                          per rincalzare gli altri
                          che avevano prese le case.
                          Gli shrapnells austriaci piovevano,
                          una palla mi colse alla gamba,
                          un colpo forte, pensai:
                          «Stavolta sono ferito!»
                          Levai la gamba dall'acqua,
                          le fasce eran bucate,
                          le calze eran bucate,
                          usciva un filo di sangue.
                          Guardai, ma vidi che proprio
                          non era il caso di andare,
                          rimisi la gamba nell'acqua
                          e masticai una cicca.

[p. 48 modifica]

***

            La buca era allagata;
            si cominciava a sentire
            il freddo nella schiena.
            Ogni tanto scendeva qualcuno,
            zoppicando insanguinato:
                          «Come va che sparano ancora?...»
                          «Come va? se son domande,
                          bischeraccio di un imboscato!
                          Va' sù, vicino alle case
                          se sei così tanto curioso!»
                          «Come va?» si chiedeva ad un altro.
            E qualcuno più coraggioso:
                          «La va bene, siamo alle case,
                          abbiamo preso un battaglione,
                          non sapevano neanche loro
                          come noi s'era fatto a venire.
                          Oh! stavolta certo si passa,
                          il fante ha preso coraggio,

[p. 49 modifica]

                          poi c'e, uno, triestino,
                          quello che ha messo i tubi:
                          si chiama Spiro Chissidias...»

            Ad un tratto arriva la voce:
                          «Il capitano è ferito.
                          Il capitano Oggiani,
                          ha la testa insanguinata.»
            Mi mossi per vedere
            che cosa fosse accaduto,
            correndo sopra i soldati,
            che stavan buttati a terra.
            Diceva qualche fante:
                          «Madonna, vai piano,
                          non vedi che mi riformi?»
            Ma io non rispondevo.
            Correvo, chiedendo loro
            dove fosse un ufficiale.
            Finalmente qualcuno mi disse
            che il tenente era vicino.
                          «Rizzato, così si chiamava,

[p. 50 modifica]

                          dove sei? — gli chiesi gridando,
                          e lui mi rispose:
                          «Son qua, a destra della
                                                                                [macchia,
                          ma bada, sta' più basso,
                          che tirano d'infilata!»

            Non aveva ancora finito
            che sentii uno strappo alla coscia
            e caddi, ma mi levai
            pensando: «intelligente!»
            Gridai allora al mio amico:
                          «Rizzato, sono ferito!»
            e saltellando un poco,
            con una gamba sola,
            raggiunsi i miei soldati
            che mi lasciarono l'altra.
            E allora il capitano
            ch'era rimasto sul posto,
            la testa già bendata,
            mi disse:

[p. 51 modifica]

                          «Vai abbasso,
                          a farti medicare!»
            Ed io mi stesi allora,
            non mi pareva vero,
            vicino a dei graticci,
            aspettando i portaferiti.

            E arrivaron con la barella,
            mi ci stesi, chiusi gli occhi,
            e cominciai a sognare
            di essere portato
            lontano, in una barca,
            in mezzo al mare più bello
            del golfo di Sorrento,
            e poi, di stare ancora
            a Napoli, a Toledo...
            di fumare una macedonia,
            di bere una ghiacciata,
            quando ad un tratto una Voce
            mi sveglia dal torpore:

[p. 52 modifica]

                          «Gli austriaci son ritornati!
                          I nostri lascian le case!»

                          «Pronti per l'assalto!»
            gridò il tenente Manfredi.
                          «Fermi! Fermi!» — gridavano
            sergenti ed ufficiali.
            Qualcuno ripiegava,
            il tenente Cereda cadde:
            compresi ch'era più grave;
            gli cedetti la barella.
            Vedevo il fuggi fuggi,
            e una paura mi colse.
                          «Quest'oggi gli austriaci ti
                                                            [prendono!»
            Balzai e presi il fucile.

                          «Sampietro, caporale,
                          Sampietro! son nelle case!
                          punta, punta, spara!»
                          «No! che sono i nostri!»

[p. 53 modifica]

                          «Bagolon del lüster,
                          son loro! punta! punta! spara!»

            Eravamo avvolti nel fumo,
            la polvere ci briacava,
            le case erano torce,
            nell'ultima sera di Oslavia.
            Il tenente Manfredi alla gola...
            ma i soldati andavano avanti‘,
            avanti il sergente Perna,
            il più bello scugnizzo di Napoli.
            Gli austriaci sparavano a zero:
            vedevamo le bocche da fuoco,
            gli austriaci non si attendevano,
            anche loro fino all'ultimo!
            Ma il sergente Perna di Napoli,
            caduti gli ufficiali,
            correva ormai per la china;
            oltrepassate le case,
            voleva arrivare a Gorizia
            per dire al suo paese

[p. 54 modifica]

            che c'era entrato per primo.
            Ma sorse allora un austriaco,
            più grande di un granatiere,
            si levò con il fez rosso
            gridando: «Urrà, urrà!»
            Certamente era onorato
            di servire l'imperatore,
            e di essere di scorta
            ai lucenti e bei cannoni.
            Il sergente Perna, piccino,
            con gli occhi color di fuoco,
            barcollò, aprì le braccia
            e disse:
                          «Ragazzi, coraggio!»
            E tosto anche l'austriaco
            si curvò come una quercia
            dal tronco forte, nodoso,
            schiantato dalla bufera!
                          Gli volli arrestare il sangue,
                          ed egli mi disse: «brate»

[p. 55 modifica]

                          — voleva dire fratello —
                          non disse altra parola.

                          Io lessi il suo piastrino:
                          si chiamava di nome Marko,
                          il casato era sbiadito,
                          pastore di Banjaluka.
                          Aveva nella tasca
                          un ritratto con la moglie,
                          tre figliole e quattro figli
                          alti, forti e ben piantati.
                          Chissà quanto l'avranno atteso
                          nel lontano suo paese,
                          la sua moglie, i suoi figlioli,
                          le sue capre, le bestie bianche.

***


            Mi trascinarono via
            che non avevo più fiato:
            un'altra palla mi colse,
            proprio vicino alla chiesa,

[p. 56 modifica]

                          ma i nostri erano avanti,
                          scendevano verso Gorizia,
                          avevano preso i cannoni,
                          gli austriaci non c'erano più.

***


                          Oslavia, tomba sinistra,
                          di tanti battaglioni
                          la Lombardia ti prese.
                          Perchè non c'era rincalzo?
                          Non c'era di rincalzo
                          che il 6° bersaglieri,
                          un battaglione solo,
                          il maggiore era Gusbertis.
                          Era il più bel battaglione
                          di bersaglieri ciclisti,
                          erano forse trecento
                          bersaglieri biondi.
                          Ragazze, ragazze d'Italia,
                          vi avrebbero istupidite;

[p. 57 modifica]

            i più bei bersaglieri
            che ho visto nella mia vita!

                          Muzzatti, sbarbatello,
                          ricciutello, bel biondino:
                          anche tu sei rimasto a terra
                          con gli occhi color di cielo!
                          Volontario eri venuto,
                          non avevi diciott'anni,
                          solamente la tua mamma
                          fino allora avevi baciato.
                          Muzzatti, anima bella,
                          di sbarazzino friulano!
                          Ragazze, ragazze di Udine,
                          ragazze d'Italia, piangete!

            Ed ho sentito che Ripa,
            con una gamba sola...
            ho sentito che l'altra,

[p. 58 modifica]

            l'ha lasciata vicino alla chiesa.
            durante il contrattacco.
            Solo il maggiore Gusbertis,
            con pochi bersaglieri,
            tentò di ricacciarli:
            lo fecero prigioniero.

                          Le brigate di rincalzo,
                          io le vidi dall'ospedale:
                          69 — 70 troppo
                          tardi siete venuti!
                          Troppo tempo avete impiegato
                          a scendere dal Trentino,
                          che il giorno due novembre,
                          era caduta Gorizia.

***


            Orslavia borgo sperduto,
            nessuno ti conosceva,
            ed oggi le madri e le spose

[p. 59 modifica]

                          di tanti paesi ti sanno.
                          Tomba di giovinezza,
                          cimitero di battaglioni,
                          Oslavia, nome oscuro,
                          come la nebbia d'ottobre!

[p. 60 modifica]