La Buffa/VI. Canzoni (secondo gruppo)/Il passato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Il mio testamento

../../VII. I quattro IncludiIntestazione 6 febbraio 2015 100% Da definire

VI. Canzoni (secondo gruppo) - Il mio testamento VII. I quattro
[p. 159 modifica]

IL PASSATO


                          La sera, quando suonan le Campane,
                          la voce del Passato mi torna
                          con una profonda tristezza.
                          Ed io mi volgo allora
                          per dirgli qualche cosa,
                          e per guardarlo a lungo
                          nei suoi occhi d'arcobaleno.
                          E lui, con la sua voce,
                          non parla, eppur lo sento
                          come mi dice con gli occhi:
                          «ti perderò nella notte»
                          Io sento come mi chiede:
                          «perchè tu m'abbandoni?»
                          Io lo vorrei trattenere
                          perchè gli voglio bene:
                          siamo vissuti insieme;
                          e intanto avanza lo stuolo dell'ombre:
                          bisogna partire.

[p. 160 modifica]

                          Ed io non vorrei lasciare
                          la sua mano melanconiosa,
                          ma la notte l'afferra
                          ed io brancolando lo cerco,
                          e non lo trovo più.
                          E allora mi par di sentire,
                          nel vento, una voce che piange,
                          come di mio padre,
                          e non capisco se sia
                          la sua oppure la mia.