La Cicceide legittima/I/CCCIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCCIV ../CCCIII ../CCCV IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCCIII I - CCCV
[p. 154 modifica]

L'Epitafio.

ccciv.

L'Altra mattina entrai casualmente
     Nel Tempio di Priapo, e quiui eretto
     Vidi un nuovo deposito eminente
     4Tutto da capo a piè di marmo eletto:
D'Ordin Ionico il celebre Architetto
     L’avea formato; e ciò perch’ebbe in mente
     Di farlo confacevole al Soggetto,
     8Per quanto intesi, che dicea la gente.
Or bramand’io saper di chi quel raro
     Sepolcro fosse, fecemi a vedere
     11Da vicin l’Epitafio, e ne fui chiaro;
Mentre in bianco Alabastro a note nere
     Lessi: D. Ciccio fratri apprime charo
     14Testiculi mœrentes posuere.