La Cicceide legittima/I/CCCXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CCCXIV ../CCCXIII ../CCCXV IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CCCXIII I - CCCXV
[p. 159 modifica]

L’Autore difende dal detto d’un Aristarco la sua Cicceide.
Al Sig. Giuseppe N.

cccxiv.

GIuseppe, una cert’invida Genìa,
     Che suol gli applausi altrui sentir con pena,
     E che lubrica va per quella via,
     4Dove il genio satirico la mena,
Ha preso a dir, che la Cicceide mia
     E’ parto vil d’insipida Camena,
     E s’affatica in rimostrar, che sia
     8Di freddure insoffribili ripiena;
Or senza opposizion, sia conceduto.
     Ch’abbiano i versi miei, per avventura
     11Molto di freddo in se, nulla d’arguto.
Pur se i C.... son caldi per natura,
     Non sia poca virtù l’aver saputo
     14Dal caldo ricavar qualche freddura.