La Cicceide legittima/I/CVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetti

CVII ../CVI ../CVIII IncludiIntestazione 16 agosto 2012 100% da definire

I - CVI I - CVIII
[p. 55 modifica]

A D. Ciccio doluto d'essere stato messo nell'ultimo luogo alla Tavola di Monsignor N.

cvii.

AVendo inteso Monsignor F....
     Che tu reputi offeso il tuo rispetto,
     Perche seder ti fecero al di sotto
     4Degli altri, quando fosti al suo banchetto
E c’hai fatto di lui più d’un rimbrotto,
     Come prima cagione di quell’effetto;
     Or col mio mezzo ti vorrebbe indotto
     8A creder, ch’ei non v’ha colpa, o difetto’
Pregoti dunque ad iscusar l’eccesso,
     Protestando, e giurando a capo basso,
     11Che di sua volontà non fu commesso.
Sebben, con qual ragion tanto fracasso?
     Perchè tanto rumor? sai ben tu stesso,
     14Che’l luogo de’ C... è quel da basso.