La Cortigiana (1525)/Atto quinto/Scena prima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quinto
Scena prima

../../Atto quinto ../../../../../Atto quinto/Scena seconda IncludiIntestazione 2 giugno 2008 75% Teatro

Atto quinto [[../../../../../Atto quinto/Scena seconda|Errore: profondità non valida nel percorso "La Cortigiana (1525)/Atto quinto/Scena prima/../../../../../Atto quinto/Scena seconda" (si è tentato di accedere a un nodo superiore alla radice). -]]

Valerio, solo.

Valerio
Or mi sono io chiarito d’un gran forse. Se ’l padrone è meco in collera l’ho visto ne la fronte a tutta la sua famiglia, Oh, oh, oh, oh! È possibile che in Corte non si veggia volto se non finto? Io adesso adesso era tenuto quasi padrone e ognuno mi laudava per savio, da bene, liberale e adorato da tutti; e ora non mi conosce nissuno e ogni uomo dice la sua di me, e quelli ho sempre sempre favoriti e del mio aiutati, sono i primi a offendermi. E ’nsomma, le mura di queste stanze mi hanno vòlte le spalle. O felice Fortuna, tu hai pure de li amici, e tu, trista sorte, de inimici! Ma che farò io, chi mi consiglierà? Nissuno, so ben; ché s’io volessi affogarmi, che trovaria chi mi ligarebbe un sasso al collo? Orsú, che Dio è di sopra, e la ragion e la innocenzia può assai; e delibero conferire questo caso con monsignor di Ravenna, che pochi pari soi sono in Corte, e son certissimo che mi darà aiuto e consiglio fedelmente.