La Cortigiana (1525)/Atto secondo/Scena quindicesima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto secondo
Scena quindicesima

../../Atto secondo/Scena quattordicesima ../../Atto secondo/Scena sedicesima IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto secondo - Scena quattordicesima Atto secondo - Scena sedicesima

Rosso e Parabolano.

Parabolano
Che c è, Rosso?
Rosso
Vorrei che voi ridessi un poco, per amor mio.
Parabolano
E sí sia.
Rosso
Mala parola, et è scritta per tutto né si seppe mai chi la scrivessi né mai fu detta da uomo lieto.
Parabolano
Che piú?
Rosso
Ma torniamo al proposito. Che pagheresti voi se m’endovinassi de chi e de come amor vi crucifigge? E non mi fa profetizzare el vino, ché, Dio grazia, s’adacqua in modo che ’l cervello sta in cervello.
Parabolano
Che di’ tu, fratello?
Rosso
Fratello, ah? Sappiate ch’io so come l’ha nome, di chi è moglie, dove è la casa e tutto.
Parabolano
Come, la casa, el marito e lei?
Rosso
Ogni cosa: moglie, marito, balie, fratelli e peggio.
Parabolano
Se mi dici la prima lettera del suo nome ti guadagni cento ducati.
Rosso
D’oro o di carlini?
Parabolano
D’oro!
Rosso
Larghi o stretti?
Parabolano
Traboccanti e larghi.
Rosso
Levàtimi di tinello e diròvi ogni cosa, ancora che no ’l meritati.
Parabolano
Padrone de la mia casa ti faccio. Comincia per S?
Rosso
Messer no.
Parabolano
Per A?
Rosso
A punto: ’Viola’
Parabolano
Per Z?
Rosso
Piú su sta Santa Luna!
Parabolano
Per C?
Rosso
A un buco vedesti. A fe’ che domani o l’altro ve lo dirò e molto voluntieri.
Parabolano
Ah, Cielo, perché consenti tu che un mio famiglio mi schernisca?
Rosso
Che vi fa piú oggi che domani a saperlo? Dipoi se voi mi amazzate... Laura... non sète voi per avere il Rosso valente come Astolfo!
Parabolano
Non piú! Dove son io?
Rosso
In estesis!
Parabolano
Dormo io?
Rosso
Sí, a farmi bene.
Parabolano
Con chi parlo io?
Rosso
Col Rosso, che non ha piú a mangiare in tinello, e l’ho piú caro che s’io fussi potestà di Norcia, imbasciatore di Todi e veceré di Baccano.
Parabolano
Andiam dentro, amico mio carissimo, ch’è buon per te.