La corona amorosa/XXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXII

../XXI ../XXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Sonetti

XXI XXIII

 
I’ sì·mmi posso, lassa, lamentare,
d’Amore innanti, e poi de lo meo sire:
ché data sono ad amendue servire,
4sì·cch’altra cosa no m’e ’n grato fare;

e Amore m’incalcia, e face amare
con fermo core e con dolce disire
lui che pecca ’nver’ me, poi ch’agradire
8no li vòl punto, ma pur cagionare.

Sicché mi’ lamentare - è di ragione,
ched io dimoro, Amore, al tu’ piacere
11col cor leal là ’ve tu·ll’hai locato;

e ’l mi’ buon sire istà ’nver’ me spietato:
là ’nde peccato face, al mi’ parere,
14poi tanto l’amo senza falligione.