La corona amorosa/XXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXVII

../XXVI ../XXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Sonetti

XXVI XXVIII

 
Dappoi ch’è certo che la tua bieltate,
gentil pulzella, mi ti face amare,
e·cch’io altro non posso, benché fare
4i’ lo volesse, de’ne aver pietate:

ché·cchi ha colpa dé tutte fïate,
secondo la ragion, pena portare
di ciò che indi nasce; ed i’ appellare
8posso’l bellore e l’atto e l’umiltate

di te, che m’hanno tolta la balìa
di poter far di me più che ’n piacere,
11si’ al tu’ gentil cor, cu’ serv’ i’ sono;

per ch’io ti chero e addomando in dono
ch’a umiltà s’acconci il tu’ volere
14ver’ me, o·ttal bieltà di te to’ via.