La favorita del Mahdi/Parte II/Capitolo XVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVI - Il massacro di Kasghill

../Capitolo XV ../../Parte III IncludiIntestazione 11 settembre 2014 100% Da definire

Parte II - Capitolo XV Parte III
[p. 290 modifica]

CAPITOLO XVI. — Il massacro di Kasghill.

Erano le sei del mattino del 1° gennaio, quando l’esercito egiziano comandato da Hicks pascià si mise in marcia dirigendosi verso El-Obeid, la capitale del Kordofan, la città forte, o meglio, il quartier generale del Mahdi Ahmed Mohammed.

Si componeva di oltre diecimila uomini fra egiziani e basci-bozuk, nubiani e sennaresi, bene armati, ma affatto demoralizzati, affranti dalle fatiche, dalle sofferenze, dalle malattie, dai torridi calori; di diecimila uomini infine risoluti bensì a espugnare El-Obeid, poichè la presa di questa città era l’unica risorsa che a loro rimanesse per mettere fine a quella interminabile campagna e per evitare un probabile disastro, ma impotenti di sostenere un vigoroso urto delle orde del Mahdi.

L’esercito procedeva diviso in sei quadrati, ma assai lentamente, fiancheggiato sulle ali dai basci-bozuk i quali galoppavano nel massimo disordine colle scimitarre in pugno.

Ogni soldato aveva la baionetta inastata per essere pronto a respingere i primi assalti degli insorti che non dovevano molto tardare.

Faceva un caldo terribile. Il sole versava proprio a piombo, raggi infuocati che rendevano le sabbie così ardenti che il camminare a piedi scalzi, era affatto impossibile. Per di più, un’immensa nuvola di polvere si alzava sotto quelle migliaia e migliaia [p. 291 modifica]di piedi o ricadeva qua e là acciecando e soffocando quei disgraziati soldati.

Per due ore l’esercito fiancheggiò il palmeto di Kasegh cercando di tenersi all’ombra, poi entrò in una vastissima pianura sabbiosa, calcinata dal sole, sparsa di arditissime rupi e di magri cespugli.

— Che brutto luogo, disse O’Donovan, che cavalcava a fianco di Fathma.

— Temete qualche cosa? chiese l’almea.

— Non scordatevi Fathma, che oggi è il 1° gennaio.

— Che vuol dire ciò?

— Ho udito dire che il 1° gennaio il Mahdi ci darebbe battaglia.

— Ubbie, amico mio.

— Non correte tanto, Fathma. È un bel pezzo che io sento dire che la luna del 1° gennaio è incaricata di vendicare l’Islam.

— E ci credete?

— Un po’.

— Ma io non vedo i ribelli, O’Donovan.

— Non è ancora sera, Fathma.

La conversazione finì lì.

L’esercito intanto continuava ad avanzarsi, ma non più coll’ordine di prima, i soldati spossati, trafelanti, arsi vivi, andavano a capriccio, a branchi a drappelli, coi fucili ad armacollo, tentennando come ubbriachi. Uno cadeva qui colpito da una insolazione, e rimaneva boccheggiante sulle sabbie ardenti; un altro cadeva là impotente di fare un passo, un terzo si arrestava più lontano, un quarto, si sbandava cercando invano una goccia d’acqua.

I cavalli, i cammelli ed i muli, abbandonati a sè stessi dai cammellieri, accrescevano ad ogni istante la confusione, rimanendo indietro, avanzando od andando a traverso a urtare le ali dell’esercito.

Invano Hicks pascià sagrava, invano gli ufficiali [p. 292 modifica]si spolmonavano, invano lo Stato Maggiore galoppava a dritta, a sinistra, dinanzi e di dietro radunando le disperse compagnie.

Verso mezzogiorno l’esercito entrava nei boschi di Kasghill colla speranza di trovare delle sorgenti ed estinguere l’ardente sete. Era appena entrato che urla terribili scoppiarono in coda al quadrato del colonnello Farquhard. Migliaia e migliaia d’insorti, difesi da grandi scudi e armati di coltellacci, di fucili, di lancie, di scimitarre e baionette, erano improvvisamente usciti dai circostanti boschi caricando furiosamente gli egiziani.

L’urto fu sanguinosissimo. Gl’insorti, niente atterriti dal fuoco del quadrato, si avventavano sulle punte delle baionette emettendo urla acute, tentando di sfondare quella muraglia umana. Ma fulminati dinanzi e sciabolati a tergo dai basci-bozuk, si ritirarono confusamente gettandosi in mezzo alle fitte boscaglie dove l’inseguimento diventava impossibile.

Hicks pascià fece suonare il segnale della fermata e si fece porre in batteria le mitragliatrici e i cannoni. Era tempo.

Nuove torme di insorti sbucavano dai boschi con impeto disperato sfidando impavidi il vivissimo fuoco della moschetteria e l’uragano di piombo delle mitragliatrici. Alla loro testa marciavano i dervis1 incoraggiandoli colla voce e coll’esempio e recitando le terribili parole dei Khuatsar che suonano così:

— Colpisci senza tema, giacchè colui che tu odi ha meritato la morte.

I sei quadrati avevano un gran da fare a tenere testa a quei furibondi che sprezzavano la morte e non chiedevano altro che di colpire. Ne uccidevano cento e ne sorgevano duecento, ne ammazzavano di [p. 293 modifica]più e ne sorgevano mille, duemila, cinquemila, ventimila.

La strage durò tre ore senza interruzione poi vi fu un po’ di sosta. Gli insorti, respinti su tutta la linea, sventrati e mutilati dal fuoco delle mitragliatrici, si ritirarono ma senza abbandonare i boschi di Kasghill.

Hicks pascià, premuroso di giungere a El-Obeid, fece riordinare i quadrati e diede il segnale di rimettersi in marcia. Non aveva, l’esercito, percorso duecento passi, che nuovi insorti apparvero dinanzi e di dietro, a destra e a sinistra, saettando colle loro lunghe lancie i basci-bozuk e massacrando orribilmente i disgraziati che feriti o affranti o colpiti dalle insolazioni rimanevano indietro.

Ogni mezz’ora Hicks pascià era costretto a far suonare l’alt, far mettere in batteria le mitragliatrici e comandare il fuoco.

Alle sette di sera fu giocoforza accampare. L’esercito, sfinito, assetato, arrostito dal sole, acciecato dalla polvere, non era capace di fare due passi innanzi.

I cammelli e i cavalli dei convogli vennero legati gli uni agli altri in modo da formare un’ampio cerchio e attorno a essi i sei quadrati si accamparono.

La notte era oscurissima. Dense nubi, nerissime come se fossero di pece, si erano accavallate in cielo e correvano come cavalli sbrigliati. Colpi di vento umido, di quando in quando scendevano facendo curvare gli alberi della foresta. Al sud lampeggiava e il tuono brontolava.

O’Donovan, Fathma e Omar, divorato in furia il magro pasto, si diressero verso gli avamposti per vedere coi loro occhi come stavano le cose.

I soldati erano tutti in piedi e i cannonieri erano ritti accanto ai loro pezzi. Tutti aspettavano il nemico che aveva silenziosamente circondata la boscaglia e che aspettava il momento propizio per gettarsi sopra i quadrati.

[p. 294 modifica]— Che brutta notte che si prepara, disse O’Donovan.

— Verremo attaccati? chiese l’almea.

— Senza dubbio.

— Con questa oscurità?

— Gl’insorti s’accosteranno più facilmente.

— Vinceremo?

— Non credo, Fathma. I nostri soldati hanno paura e non possono tenersi in piedi tanto sono stanchi.

In quel momento la luna apparve sull’orizzonte facendo capolino fra due gigantesche nubi. O’Donovan impallidì.

— Ecco la luna che vendicherà l’Islam! esclamò.

Non aveva ancora finito che alcuni spari rimbombavano agli avamposti.

— All’armi! s’udirono gridare le sentinelle.

— Il nemico! gridò Omar.

La sua voce fu coperta da urla feroci, da urla di guerra e di morte.

— Colpisci senza tema, gridavano quelle voci. Colpisci senza tema giacchè colui che tu odi ha meritato la morte.

I dervis s’avanzavano colla scimitarra in pugno rovesciando sull’esercito egiziano migliaia e migliaia di fanatici. Una terribile grandinata di palle cadde sugli egiziani, molti dei quali stramazzarono a terra mandando urla dolorose. I sei quadrati vacillarono da un capo all’altro e le linee si ruppero in varii luoghi. Alcune compagnie, côlte da invincibile panico, presero la fuga gettando armi e zaini.

— Si salvi chi può! urlarono alcuni vigliacchi.

— Fuoco! s’udì tuonare Hicks pascià.

— Fuoco! ripeterono i comandanti.

Le trombe diedero il segnale di cominciare il fuoco e il combattimento accanito, terribile, sanguinosissimo, cominciò.

Il fracasso diventò ben presto spaventevole. Gli egiziani, assaliti da tutte le parti da migliaia e migliaia di guerrieri, tiravano furiosamente, [p. 295 modifica]all’impazzata e assaltavano colla baionetta; i cannoni tuonavano, ruggivano, vomitando veri torrenti di ferro e le mitragliatrici stridevano sui fianchi dei reggimenti tempestando i cespugli, fracassando i tronchi degli alberi, sollevando per ogni dove il terreno, sventrando i cavalli, i cammelli e gli uomini.

Dalle negre boscaglie, avvolte da giganteschi vortici di fumo che il vento sbatteva e lacerava, uscivano senza posa correndo e urlando, drappelli di nudi guerrieri i quali si precipitavano contro le baionette a corpo perduto, sfondando i battaglioni e diradando con ispaventevole rapidità le file.

Gli uomini cadevano a dozzine, a cinquantine, a centinaia, dinanzi, a destra, a sinistra, senza quasi sapere da qual lato venivano colpiti, chi colle braccia tronche, chi colle gambe fracassate, chi colla testa nettamente portata via, chi forato da cento colpi.

Era una carneficina, un mostruoso massacro. Fathma, Omar e O’Donovan, riparati dietro i loro cavalli sventrati dalla mitraglia, guardavano con angoscia l’assottigliarsi di quelle schiere. Mai avevano assistito ad un macello simile; mai avevano visto tanti morti e tanti feriti; mai avevano udito tuonare assieme tanti fucili e tanti cannoni; mai avevano visto tanta rabbia e tanta ostinazione.

Alle undici, quando maggiore era la mischia, l’uragano che da alcune ore minacciava di scoppiare, venne ad accrescere l’orrore di quella notte di sangue.

Le cateratte del cielo improvvisamente s’aprirono e una pioggia furiosa si rovesciò sui combattenti mescolandosi ai torrenti di sangue che correvano pei boschi. Il vento cominciò a ruggire, la folgore a scrosciare, i lampi guizzarono illuminando d’una luce livida, infernale, l’orribile macello. Anche il cielo era contro i disgraziati che Hicks pascià conduceva contro il profeta del Sudan.

[p. 296 modifica]A mezzanotte urla strazianti s’udirono a destra del quadrato di Hicks e poco dopo un’onda di soldati sfondava uno dei reggimenti precipitandosi all’impazzata verso i muli, i cammelli e cavalli.

O’Donovan arrestò uno di quegli uomini.

— Che succede? gli chiese.

— Il quadrato del colonnello Farquhard è stato distrutto.

— Maledizione! ruggì il reporter.

La situazione diventava spaventevole. I mahdisti, ebbri di sangue e di carneficina, raddoppiavano gli assalti, sfondando una dopo l’altra le linee di battaglia. Di quando in quando si udivano, mescolati agli scrosci delle folgori, al rombo dei cannoni e alle fucilate, le urla strazianti degli egiziani che venivano spietatamente macellati.

Alla una del mattino un altro quadrato veniva sfondato e poco dopo venivano respinti, aperti, spezzati, tagliuzzati gli altri tre.

Più non restava che il quadrato di Hicks pascià ma in quale stato! Non vi erano più ufficiali che si erano fatti ammazzare alla testa dei loro battaglioni; non vi erano più basci-bozuk, distrutti totalmente in due cariche tentate contro quel formidabile nemico; non vi erano più artiglieri, morti accanto ai loro pezzi smontati o scoppiati.

V’erano invece enormi ammassi d’uomini, di cavalli e di cammelli orrendamente scannati, dietro ai quali tiravano ancora i superstiti anneriti dal fumo, ubbriachi di polvere colle dita abbrustolite dalle canne dei remington diventate ardenti.

Alle quattro e pochi minuti, Fathma che distesa a terra sparava dove appariva confusamente il nemico, vide Hicks pascià che trovavasi solo, cinquanta passi più innanzi, portare le mani al volto, vacillare, abbandonare la sciabola e precipitare da cavallo.

— O’Donovan! gridò ella. Il pascià è caduto.

Il reporter e Omar, che si trovavano alcuni passi [p. 297 modifica]indietro riparati da un cannone smontato, a quel terribile grido si slanciarono verso l’almea malgrado le palle che continuavano a fioccare.

— Perdio! esclamò l’irlandese. Siamo tutti perduti. Dov’è caduto?

— Là in mezzo a quel gruppo di cadaveri.

— Accorriamo, amici, e non una sillaba. Se gli egiziani lo sanno siamo tutti morti.

O’Donovan e i suoi compagni, scalarono intrepidamente i cumuli dei cadaveri dal disotto dei quali sfuggivano torrenti di nero sangue, e giunsero là, ove era caduto il pascià.

In sulle prime, fra i vortici di fumo non iscorsero che un cavallo riccamente bardato che s’impennava nitrendo, ma poi in mezzo ai cadaveri dello Stato Maggiore, steso sul dorso, colle braccia incrociate sotto la testa scopersero l’infelice pascià.

O’Donovan, coi capelli irti, tremante, pallido, inondato di freddo sudore, si curvò su di lui e l’alzò. Il pascià aveva la faccia marmorea e alterata, la barba irrigata dal sangue che eragli uscito dalla bocca e la tunica forata da due palle.

— Gran Dio! balbettò il reporter. È morto.

Balzò in piedi, afferrò Fathma per una mano e disse:

— Fuggiamo o siamo perduti.

— Ma dove? chiese l’almea pallida di terrore.

— Ho visto una rupe laggiù. La scaleremo.

— Ma il nemico circonda il quadrato.

— Non importa, venite o sarà troppo tardi. Vieni, Omar.

Il reporter, l’almea e lo schiavo attraversarono il quadrato ingombro di morti e di moribondi, di armi, di cannoni, di cavalli e di cammelli e giunsero ai piedi di una gigantesca rupe che difendeva, verso oriente, le linee egiziane.

— Omar, vedi dei nemici sulla cima? chiese il reporter.

— No, rispose il negro.

— Hai una fune?

[p. 298 modifica]— Sì, l’ho.

— Sei capace di raggiungere quella sporgenza che scorgesi a mezza altezza della rupe?

— Sarà cosa difficile, ma lo tenterò.

— Sali adunque, ma fa presto. I ribelli stanno per rompere il quadrato e scannare tutti i soldati.

Il negro si liberò dalla casacca, dei calzoni e del turbante, si arrotolò attorno alle reni la fune e cominciò la pericolosa scalata mentre la mitraglia continuava a grandinare e i mahdisti macellavano le schiere egiziane che ancora resistevano ai loro furiosi assalti.

Aggrappandosi agli arrampicanti, appoggiandosi ai cespugli, cacciando le dita nei crepacci della rupe cominciò a elevarsi malgrado la pioggia che lo acciecava e le palle che fischiavano ai suoi orecchi.

Ogni qual tratto una scheggia staccavasi dalla rupe e rotolava al basso facendo guizzare Fathma e il reporter che seguivano con viva trepidazione e col cuore sospeso l’ardita manovra del negro. Qualche volta era invece un ramo che spezzavasi e si vedeva Omar dondolarsi sopra l’abisso, sospeso ad un ramoscello o ad una semplice radice.

Dopo cinque minuti di sforzi incredibili, lo schiavo riuscì a raggiungere la prima piattaforma che trovavasi a mezza altezza della rupe.

Legò la fune ad un grosso macigno e gettò l’altro capo ai compagni che se ne impadronirono vivamente.

— A voi Fathma, disse il reporter, dominando colla sua voce il rombo dei cannoni, lo scrosciare delle folgori, le urla dei ribelli e le grida strazianti dei moribondi. Presto, presto o sarà troppo tardi.

Fathma non se lo fece dire due volte. Afferrò la fune e si issò nell’aria raggiungendo Omar.

— O’Donovan! gridò poi.

La sua voce fu coperta da urla terribili. I ribelli avevano sfondato il quadrato e macellavano [p. 299 modifica]spietatamente gli egiziani che si erano addossati ai cavalli ed ai cammelli.

— O’Donovan! ripetè Fathma,

Il reporter s’avvinghiò alla fune e si issò malgrado le palle che grandinavano fitte fitte. Era giunto a mezza altezza quando fu colpito alla testa da una scheggia di mitraglia. Mandò un grido disperato.

— Sono morto!

Fu visto arrestarsi e cercare un appoggio nei crepacci della rupe, ma una nuova scheggia lo colpì al petto. Aprì le mani e precipitò roteando nell’abisso spaccandosi il cranio sulle roccie sottostanti.

Fathma e Omar, agghiacciati dal terrore, si curvarono sull’orlo della rupe cercando di scorgere lo sventurato reporter del Daily-News, ma invano.

— O’Donovan! O’Donovan! gridò Fathma con disperato accento.

La sua voce si perdè fra gli urli feroci dei mahdisti.

— Scendiamo! gridò ella.

S’aggrapparono agli arbusti per discendere, ma il tempo mancò. Dall’alto della rupe venivano giù precipitosamente dei nudi guerrieri agitando le loro lancie e le loro scimitarre.

— Siamo perduti! gridò Omar.

— Indietro cani! urlò Fathma, strappandosi dalla cintura l’jatagan.

Gl’insorti anzichè arrestarsi s’avventarono a testa bassa contro l’almea e il suo schiavo, li circondarono, li disarmarono e li curvarono sull’abisso. Già stavano per precipitarli nel vuoto, quando una voce tonante, imperiosa, urlò:

— Fermi tutti! Chi li tocca è uomo morto!

Un guerriero riccamente vestito discendeva dall’alto della rupe con rapidità vertiginosa. Giunto sulla piattaforma egli si precipitò ai piedi di Fathma.

— Ah! mia povera padrona! esclamò egli baciandole le mani.

Fathma e Omar lo riconobbero subito.

— Abù-el-Nèmr! gridarono con gioia.

[p. 300 modifica]— Sì, amici miei, disse lo scièk. L’Abù-el-Nèmr che voi salvaste dalla morte quando il leone lo ferì nelle foreste del Bahr-el-Abiad e che ora viene a pagare il sacro debito. Amici, voi siete salvi e sotto la mia possente protezione!

Nel medesimo istante che il generoso scièk pronunciava quelle parole, l’ultimo egiziano dell’infelice Hicks pascià cadeva morto sotto le lancie dei terribili guerrieri di Ahmed Mohammed profeta del Sudan2.



Fine della parte seconda.


Note

  1. Dervis, uomini che hanno una fama di santoni. Il Mahdi, ne aveva molti.
  2. L’illustre missionario D. Luigi Bonomi, che quando accadde la battaglia si trovava a breve distanza da Kasghill, mi assicurò che il Mahdi perdette solamente 4 o 500 uomini.

    E.S.