La mandragola/Atto quinto/Scena prima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quinto
Scena prima

../ ../Scena seconda IncludiIntestazione 26 maggio 2008 75% Teatro

Atto quinto Atto quinto - Scena seconda


Fra’ Timoteo solo.

Timoteo
Io non ho potuto questa notte chiudere occhio, tanto è el desiderio, che io ho d’intendere come Callimaco e gli altri l’abbino fatta. Ed ho atteso a consumare el tempo in varie cose: io dissi mattutino, lessi una vita de’ Santi Padri, andai in chiesa ed accesi una lampana che era spenta, mutai un velo ad una Nostra Donna, che fa miracoli. Quante volte ho io detto a questi frati che la tenghino pulita! E si maravigliano poi se la divozione manca! Io mi ricordo esservi cinquecento immagine, e non ve ne sono oggi venti: questo nasce da noi, che non le abbiàno saputa mantenere la reputazione. Noi vi solavamo ogni sera doppo la compieta andare a procissione, e farvi cantare ogni sabato le laude. Botavanci noi sempre quivi, perché vi si vedessi delle imagine fresche; confortavamo nelle confessioni gli uomini e le donne a botarvisi. Ora non si fa nulla di queste cose, e poi ci maravigliamo se le cose vanno fredde! Oh, quanto poco cervello è in questi mia frati! Ma io sento un grande romore da casa messer Nicia. Eccogli, per mia fé! E’ cavono fuora el prigione. Io sarò giunto a tempo. Ben si sono indugiati alla sgocciolatura, e’ si fa appunto l’alba. Io voglio stare ad udire quel che dicono sanza scoprirmi.