Le figlie dei Faraoni/Capitolo 12 - La piena del Nilo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo 12 - La piena del Nilo

../Capitolo 11 - Misterioso convegno ../Capitolo 13 - Il tatuaggio di Nefer IncludiIntestazione 25 settembre 2017 75% Da definire

Capitolo 11 - Misterioso convegno Capitolo 13 - Il tatuaggio di Nefer

CAPITOLO DODICESIMO

La piena del Nilo


Il Nilo, questo immenso fiume che sbocca dai grandi laghi equatoriali, al pari del Gange, ha goduto anticamente una fama divina. Per i sudditi dei Faraoni non scendeva dai laghi dell'interno del continente nero, bensì direttamente dal cielo e non avevano certo torto di adorarlo, perché senza quel fiume l'Egitto non sarebbe mai esistito.

«L'Egitto è un dono del Nilo,» ha lasciato scritto Erodoto ed infatti esso tutto ha creato: il suolo e le sue produzioni, le occupazioni degli uomini, il loro carattere nazionale, le loro istituzioni politiche e sociali.

Senza quel benefico fiume, i Faraoni non avrebbero certo regnato e la loro grande civiltà non sarebbe mai esistita, perché nessun popolo avrebbe potuto vivere su quel suolo sabbioso, arso dai cocenti raggi del sole e perciò assolutamente sterile.

Sono state le acque del Nilo a conquistare l'Egitto, il quale non è altro, in realtà, che un'oasi poco più lunga di duecento leghe, che in certi punti non ha che una larghezza di una e che solo nel suo basso corso raggiunge le venti.

Solo il delta acquista grandi proporzioni, formando un immenso triangolo fangoso, d'una fertilità straordinaria e anche quello è una conquista del Nilo, non già sulle sabbie deserte, bensì sul mare che ha costretto a poco a poco a ritirarsi dinanzi alle enormi masse di terra che ha, per centinaia e centinaia di secoli, sottratta alle misteriose regioni dell'Africa centrale.

Dove non giungono le acque di quel fiume è il deserto. Ed infatti quella lunga, ma sottile striscia di terra fertile confina, sia a destra che a sinistra, ossia a ponente ed a levante, colle sabbie.

La fertilità di questa striscia la si deve tutta alle piene periodiche di quella gigantesca arteria acquatica.

Al principio del solstizio d'estate, il Nilo, con una precisione matematica, comincia a gonfiarsi a causa delle grandi piogge equatoriali e continua ad aumentare tutti i giorni, senza foga e senza fretta, e raggiunge la sua massima piena nell'equinozio autunnale.

Tutte le terre basse vengono coperte e le più alte, giacché ve ne sono lungo le rive, diventano, per infiltrazione, molli e fangose. Su quella terra il benefico fiume depone ogni anno quel limo prezioso, strappato alle terre vergini dell'interno, che serve di concime ai campi.

È come una miniera inesauribile di terra fertilissima, migliore di quella arricchita col guano, che il prodigo fiume regala gratuitamente ai suoi fedeli adoratori.

Passato l'equinozio, le acque a poco a poco si ritirano e su quella terra nerastra, ancora molle e grassa, l'egiziano getta i suoi semi, i quali si svilupperanno più tardi senza bisogno d'alcun aiuto. Infatti il lavoro agricolo non è necessario; il contadino egiziano non ha bisogno di guadagnarsi la sua raccolta col proprio sudore, come da noi.

Le sementi, gettate alla superficie del suolo, affondano da loro in quella terra ancora satura d'acqua, il calore solare le sviluppa e non rimane a quei fortunati fellah che attendere la maturazione delle messi le quali danno quasi sempre dei raccolti favolosi.

Non si creda però che il Nilo, (malgrado l'origine divina attribuitagli dagli antichi egizi pei quali esso era il dio Api e per le cui acque avevano una tale venerazione da condannare a morte coloro che si fossero permessi di profanarlo col gettarvi dentro un cadavere, sia d'uomini che di animali) sia un fiume diverso dagli altri.

Non tutte le piene avvengono regolarmente, né sempre così abbondanti. In certi anni la sua corrente diventa impetuosa, minacciando gravi disastri e tal'altra è così scarsa da non riuscire a bagnare tutti i terreni destinati alla coltivazione.

La mano dell'uomo però è riuscita a mettere un riparo all'uno e all'altro pericolo ed i Faraoni per primi, malgrado la mancanza di mezzi potenti, hanno fatto compire qua e là opere imponenti, che i secoli non sono riusciti a distruggere, quali dighe, canali per condurre le acque con una certa eguaglianza in tutte le provincie, grandiosi serbatoi artificiali per trattenerla allorquando diventava troppo abbondante e attivare sistemi d'irrigazione per le terre elevate.

Con quelle opere i Faraoni protessero il loro regno contro l'invasione delle sabbie che lo insidiavano, conservando ai futuri Egiziani la fertilità del terreno, senza di che non avrebbero potuto sussistere.

La barca di Ata, dopo la prima ondata che era passata larga e spumeggiante, rumoreggiando fragorosamente fra le due rive, aveva ripresa la sua lenta marcia, giacché, come abbiamo detto, la piena non si manifesta né improvvisa, né irruenta.

Le acque del fiume che prima erano limpide, cominciavano a diventare verdastre e ad intorbidirsi. Dopo alcuni giorni avrebbero cambiato tinta e sarebbero diventate sanguigne.

Al sussulto che aveva subito il veliero, Mirinri si era scosso, poi si era alzato, guardando Ounis.

«È nulla,» rispose il vecchio. «È la piena che comincia.»

«Nefer l'aveva preveduta» disse il Figlio del Sole, che pareva si fosse in quel momento risvegliato da un lungo sogno. «Ci trarrà più rapidi a Menfi, è vero Ounis?»

«Sei impaziente di vedere la grande città?»

«Sì, assai impaziente. Che cosa ho veduto io fino ad oggi? Sabbie e piramidi, palme e coccodrilli e nemmeno un atomo di quello splendore a cui avevo diritto.»

«Non aver fretta, Mirinri. Dobbiamo aspettare che tutto sia pronto per la riscossa, che ti darà in mano il regno più potente che esista sulla terra.»

«La pazienza non è fatta per la gioventù, specialmente quando questa sente scorrersi nelle vene il sangue di guerrieri. E Nefer, dov'è?»

«Eccomi, mio signore,» rispose la fanciulla, che gli si era accostata silenziosamente.

«Poco fa non cantavi tu?»

«Sì, mio signore.»

«Credevo di aver sognato.»

Nefer chinò la sua bella testa e sorrise tristemente.

«La mia voce non rallegrerà mai l'animo del Figlio del Sole,» disse.

Mirinri non rispose. Guardava la riva del fiume, su cui si vedevano parecchie schadouf, quelle macchine primitive che servivano a sollevare ed a espandere l'acqua attraverso le terre alte, che venivano mosse da un solo uomo e dinanzi alle quali s'abbeveravano alcuni buoi.

«Lo vedi Nefer?» chiese indicando colla destra qualche cosa. «Anche quel giorno insidiava così la giovane Faraona, che io ho strappato quasi dalle sue mascelle.»

«Che cosa, signore?»

«Il coccodrillo; fra poco quell'avido animale avrà la sua preda. Lo vedi come si tiene immerso?»

Nefer si era curvata sulla murata. Un mostruoso rettile, lungo più di sei metri, s'apriva dolcemente il passo fra i papiri e le larghe foglie delle piante di loto, che la piena a poco a poco copriva, dirigendosi verso la riva, dove un grosso toro, tutto nero, stava dissetandosi.

«Lo vedi?» chiese per la seconda volta il giovane, che pareva s'interessasse vivamente delle manovre del mostro.

«Sì,» rispose Nefer.

«Va' ad assalire il toro.»

«Lo credi, mio signore?»

«E lo farà suo.»

Nefer stette un momento silenziosa, poi gli chiese a bruciapelo, con uno strano accento:

«È dalle mascelle terribili di uno di quei temsah1 che tu hai strappato la Faraona?»

«Sì,» rispose Mirinri. «Stava per addentarla e avrebbe di certo divorato quelle delicate carni, se io non fossi intervenuto a tempo.»

«Potevi morire, mio signore.»

Il giovane scrollò le spalle.

«Un Figlio del Sole non muore così facilmente,» disse poi, quasi con noncuranza. «Io non ho mai avuto paura di quei mostri, come non ho mai temuto i leoni.»

«Sicché tu saresti capace di uccidere anche quello?»

«Sì, se fosse necessario.»

«Ma perché hai esposto la tua vita preziosa per quella donna? Forse perché era una Faraona?» chiese Nefer con impeto.

«Io ignoravo che ella fosse una principessa. Non lo seppi che parecchi giorni dopo, quando rinvenni fra le erbe della riva il simbolo di vita e di morte, che essa aveva perduto.»

Negli occhi neri e profondi di Nefer brillò un lampo strano.

«Ah!» mormorò.

«Guardalo, Nefer,» ripetè Mirinri, che non si era accorto dell'agitazione intensa che si era impadronita della maliarda. «Lo vedi come manovra fra i papiri e le piante di loto? Non sporge che l'estremità del suo muso. Ancora un passo ed il toro sarà preso.»

Nefer sembrava che non lo ascoltasse. I suoi sguardi però seguivano attentamente il mostruoso coccodrillo che continuava ad avanzarsi.

Ad un tratto salì sulla murata, come se avesse voluto vedere meglio il dramma che stava per svolgersi.

Essendo in quel luogo la corrente quasi ferma in causa d'un grande banco che si estendeva parallelamente al fiume, tutto ingombro di piante acquatiche, la piccola nave aveva interrotta la sua corsa, strisciando la sua carena fra i papiri che ingombravano il fondo. Tutti gli etiopi e anche Ounis e Ata si erano collocati lungo le murate, per osservare le manovre del gigantesco sauriano.

Il toro, uno splendido animale di forme massiccie, con lunghe corna ricurve all'indietro, continuava a bere tranquillamente, tuffando quasi tutto il muso nell'acqua, mentre dietro di lui una mezza dozzina di mucche pascolavano, senza che nessuno le sorvegliasse.

Ad un tratto un muggito rauco, selvaggio, gli sfuggì e lo si vide fare uno sforzo poderoso per trarsi indietro.

Fatica vana. Il coccodrillo l'aveva sorpreso e l'aveva afferrato pel naso, piantandogli profondamente i primi denti e serrandoglielo come entro una morsa.

«Lo ha attanagliato!» esclamarono gli etiopi.

«Ed è perduto,» disse Mirinri.

«Purché non gli si offra una preda migliore,» mormorò Nefer con voce cupa.

Il toro opponeva una resistenza disperata, per non farsi trarre in acqua e puntava forte le zampe, irrigidendo i poderosi garretti, mentre il mostro continuava a stringere, fissando la grossa preda coi suoi occhi glauchi e senza espressione.

Per sua mala sorte, la riva satura d'acqua pel principio della piena era diventava fangosa, sicché cedeva sotto i larghi e robusti zoccoli del povero ruminante e, negli sforzi che faceva, le sue zampe affondavano sempre, sicché si trovava nell'impossibilità d'indietreggiare.

Dei muggiti dolorosi, soffocati, gli uscivano dalla bocca, mentre una bava sanguigna gli usciva dalle nari che il sauriano continuava ferocemente a tenagliare. I suoi fianchi poderosi pulsavano fortemente e la sua coda sferzava l'aria, mentre i suoi occhi si dilatavano, irrigandosi di sangue e s'ingrossavano come se volessero uscire dalle orbite.

Il coccodrillo rimaneva immobile, fissando sempre l'enorme preda. Aspettava che il toro, semisoffocato, cadesse, per trascinarlo nel fiume,

D'improvviso si udì un tonfo seguito da un grido di Ounis:

«Nefer è caduta! Giù la pietra!»

La maliarda, sia che avesse perduto l'equilibrio, sia che fosse stata colta da un capogiro, era precipitata nel Nilo scomparendo fra le acque verdastre che in quel luogo dovevano essere assai profonde.

Il coccodrillo, udendo quel tonfo che gli annunciava un'altra preda più facile ad acquistare, aveva aperte le mascelle lasciando libero il toro e si era voltato vivamente, agitando furiosamente la coda.

Nefer in quel momento ricompariva a galla a pochi passi dal tribordo della piccola nave. I suoi veli leggeri si erano distesi sulla corrente ed i suoi occhi si erano subito fissati su Mirinri che si era slanciato, d'un colpo solo, sulla murata.

«Nefer!» gridò il giovane. «Un'arma! Un'arma!»

Un etiope passava in quel momento rasente la murata, per calare in acqua la scialuppa che era adagiata sulla poppa. Nella cintura aveva un pugnale di bronzo dalla lama larga ed a doppio taglio. Levarglielo di colpo e precipitarsi a capofitto nel fiume fu un momento.

Un grido terribile era sfuggito dalle labbra del vecchio:

«Mio... disgraziato! Che cosa fai?»

«Giù il canotto!» aveva urlato dal canto suo Ata, che si era fatto pallidissimo. «Salviamo il Figlio del Sole!»

Il coccodrillo, che aveva ormai veduta Nefer, la quale si manteneva a galla agitando febbrilmente le mani, si precipitava con quell'impeto irresistibile che è proprio di quei bruti.

Con pochi colpi di coda aveva attraversata la massa dei papiri e delle piante di loto bianchi e rossi e si dirigeva a tutta corsa verso quel delicato corpo umano, che non poteva opporre la tenace resistenza del poderoso toro. Già aveva aperte le enormi mascelle per tagliare in due la maliarda, quando Mirinri emerse proprio dinanzi a lui.

Il fiero giovane stringeva nella destra il pugnale. Con un colpo dei piedi, non curante del grave pericolo che lo minacciava, si frappose fra Nefer ed il sauriano e gli vibrò due colpi terribili attraverso le mascelle spalancate, squarciandogliele fino al collo.

Pazzo di dolore, grondante sangue dalle due enormi ferite, lo schifoso sauriano si contorse spaventosamente, lasciandosi sfuggire una specie di muggito che rassomigliava al rullo d'un grosso tamburo poderosamente percosso, battè due o tre volte precipitosamente la coda, sollevando delle vere ondate, poi fuggì fra i papiri nascondendovisi in mezzo.

Mirinri si era voltato ed aveva afferrata la fanciulla attraverso il corpo, abbandonando l'arma che non era più necessaria.

Nefer era svenuta e stava per affondare. Il prode giovane ebbe appena il tempo di sollevarle il capo fuori dall'acqua.

Con un poderoso colpo di tallone si alzò sulla corrente che minacciava di travolgerlo e si mise a nuotare gagliardamente verso il piccolo veliero che se ne andava lentamente alla deriva.

«Presto, Mirinri!» aveva gridato Ounis, mentre gli etiopi calavano frettolosamente la scialuppa.

«Vengo,» rispose semplicemente il sovrano eroe.

Si era serrato contro il petto Nefer e lottava poderosamente contro la corrente, che la piena aveva fatto diventare rapida. I lunghi capelli della fanciulla gli si erano attortigliati al collo, ma pareva che il Figlio del Sole non provasse alcuna emozione.

Con due bracciate raggiunse la scialuppa che s'avanzava a tutta forza di remi, affidò Nefer agli etiopi che la montavano, poi, senza aver bisogno d'alcun aiuto, a sua volta si issò sopra il bordo, sedendosi su uno dei banchi. Pareva che una profonda preoccupazione lo turbasse.

«Non è morta, vero?» chiese ad Ata, che era sceso nella scialuppa assieme ai battellieri.

«No, mio signore,» rispose l'egiziano che teneva fra le braccia Nefer. «Il suo cuore batte e presto tornerà in sé. Perché hai esposto la tua vita preziosa per questa maliarda? Il coccodrillo era grosso e forte e poteva tagliarti in due.»

Mirinri alzò le spalle e sorrise. Poi, dopo un momento di silenzio, rispose:

«Un re deve ben occuparsi della salvezza dei suoi sudditi, se è vero che io sia un Faraone.»

«Ne dubiti?» chiese Ata facendo un gesto di stupore.

«No,» rispose Mirinri.

La scialuppa aveva raggiunto il piccolo veliero. Il giovane si aggrappò alla fune che era stata gettata e salì sulla tolda, dove Ounis lo aspettava in preda ad una profonda emozione.

«Tu sei il figlio del gran Teti,» gli disse il vecchio. «Tuo padre avrebbe fatto altrettanto. Prima un leone, oggi un coccodrillo.»

«Non era quello che inseguiva la Faraona,» disse Mirinri. Poi aggiunse, come parlando fra sé:

«No: il corpo di quella fanciulla non mi ha dato lo stesso fremito. Il sangue è rimasto muto.»


Note

  1. Gli antichi egizi chiamavano con tale nome i coccodrilli, ed i moderni lo hanno conservato.