Le laudi/V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
V. Contempla le mie pene, o peccatore

../IV ../VI IncludiIntestazione 24 febbraio 2009 75% poesie

V. Contempla le mie pene, o peccatore
IV VI


(Ed. 1486).

 
– Contempla le mie pene, o peccatore,
   E nel martìr, ch’ i’ sono:
   Vedi ch’ i’ non perdono
   A me, che pendo in croce per tuo amore.

5Contempla ch’ io lasciai il nobil regno,
   Di te presi pietate
   E son confitto in questo amaro legno
   Con tanta crudeltate.
   Sanza misura fu mie caritate:
   10Elessi tal martìre
   E sì volsi morire,
   Perchè vivessi meco in grande onore.

Contempla bene. Alla corona mira
   Acuta e sì crudele:
   15Vedi la carne mia che si martira.
   Apparecchiato è el fele;
   Non ò in questa angoscia alcun fedele,
   Rifriger di mie pene;
   Per cinque grosse vene
   20Verso ’l mio sangue, e tu cerchi d’ onore. –

– Contemplo ben, Signore, il tuo gran duolo
   E l’ aspra passïone.
   O dolce Gesù mio, tu fusti solo
   Alla redenzïone.
   25L’ anima e’l cor è con afflizïone;
   I’ ò speranza e fede,
   Con l’ usata mercede
   Farai misericordia al peccatore. –


Cantasi come O Gesù dolce, o infinito amore.