Le odi di Orazio/Libro terzo/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro terzo
X

../IX ../XI IncludiIntestazione 15 gennaio 2015 100% letteratura

Libro terzo - IX Libro terzo - XI
[p. 127 modifica]

X.


Lice, se a bevere tu stèssi l’ultimo
    Tanai, d’un barbaro sposa, me piangere
    Vorresti a’ rigidi battenti trepido
        4Contro aquilon che v’abita.

Non odi? Strepita la porta; agli euri
    In tra’ magnifici tetti agitandosi
    Il bosco mugola; all’aere limpido
        8I nivei strati agghiacciano.

Smetti quell’aria sgradita a Venere:
    Ruota nel correre trae dietro il cànape;
    Non tu Penelope nova a’ Proci ardua:
        12Padre tirren produsseti.

Deh, se non pièganti doni e suffragj,
    Nè amor che in pallida viola tingesi,
    Nè sposo fervido d’una píeria
        16Druda, pietà de’ supplici,

[p. 128 modifica]


Cui nè più tenera di rigido ischio
    Sei, nè di mauri serpi più docile:
    Non sempre all’uscio e all’intemperie
        20Potrà il mio flanco reggere.