Le piacevoli notti/Notte VII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Notte VII

../Notte VI/Favola V ../Notte VII/Favola I IncludiIntestazione 19 giugno 2015 100% Da definire

Notte VI - Favola V Notte VII - Favola I
[p. 39 modifica]

Notte Settima


Tutte le parti dell’estremo e freddo occidente già cominciavano adombrarsi, e da Plutone l’amata amica già da ogni canto le notturne tenebre dimostrava, quando l’onesta e fida compagnia al palazzo della Signora si ridusse. Onde di mano in mano secondo i loro ordini postisi a sedere, sì come le trapassate notti aveano fatto, non altrimenti fecero la presente. Il Molino di ordine della Signora comandò il vaso fosse recato; e messavi la mano dentro, trasse prima di Vicenza il nome: indi, di Fiordiana: dopo, di Lodovica; riserbando a Lionora il quarto luogo e ad Isabella il quinto. Finito l’ordine di quelle che avevano a favoleggiare, la Signora ordinò che Lauretta una canzone cantasse: la quale ubidientissima senza altra iscusazione così a dire incominciò:

Ardo tremando e ne l’arder agghiaccio.
     Disir d’un fermo amor fido e perfetto
     Mi tien tra ’l sì e ’l no tardo e sospetto.
Arrei più volte il mio pensier scoperto,
     Sol per temprar del core
     L’infinita passion ch’al fin mi scorge.
Ma vergogna e timor del vostro onore,
     Guerreggiando egualmente col desire,
     Al lungo mio martire
Un tal effetto porge,
     Che d’un sì ardente amor comprendo aperto
     Il viver dubbioso e ’l morir certo.

Finita la soave ed amorosa canzone, Vicenza, a cui per sorte aveva tocco il primo aringo della presente notte, levatasi in piedi e fatta la debita reverenza, così a dire incominciò.

Indice