Le poesie religiose (1895)/A Leone Tolstoi Ode

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Leone Tolstoi Ode

../Febbrajo ../Elena IncludiIntestazione 18 settembre 2010 75% Da definire

Febbrajo Elena

O d’un cor puro, d’una grande anima
Verace, fiammante parola,
Regnar la terra, la morte vincere
4Ben puoi tu sola!

Tu dal letargo ferin le torpide
Umane caterve ridesti;
Gl’ingegni alati governi, gli animi
8Servili investi.

Con improvviso fragor di fulmine
Le tresche regali scompigli;
Dei tenebrosi farisei sgomini
12Gli empj consigli.

Tu le gelose gare, tu gl’invidi
Conflitti fraterni reprimi;
Benigna incieli gli onesti, i reprobi
16Severa adimi.

Fiotto perenne tu sei, che i cardini
Corrode alle rupi giganti;
Flagel di foco sei che dal tempio
20Caccia i mercanti.

Fremea tra’ sonni del Volga un demone
Vermiglio: « Si annienti là vita! »
Solcava un tetro baglior d’incendj
24L’ombra atterrita.

Briareo sorse; le braccia ferree
Vibrò contro al ferreo destino;
Inorridito crollò le gemmee
28Torri il Kremlino.

Ma dietro al rosso fantasma oh flebili
Baldanze, oh terrori e delitti!
Oh imperiali macelli e scempio
32D’eroi sconfitti!

Ben più feconda ne’ freddi esilj,
Nell’ombra d’esizj feroce,
O di Yasnaia pensoso apostolo,
36Fu la tua voce.

Sia che del core gli abissi interroghi
E n’apra i responsi a’ malvivi
Sia che salubri linfe da’ mistici
40Gorghi derivi;

O che le pugne brutali e gli ozj
Dei forti e le oscure ruine
Con sovrana arte scolpisca in pagine
44Adamantine;

O per gl’industri tugurj, esempio
Sdegnoso alla mandria proterva,
In fabril vesta, le membra ad infime
48Fatiche asserva:

Sia che pietoso fuor de la tenebra
Gli erranti mortali richiami;
E del tuo pane, del tuo cor gli umili
52Conforti e sfami;

O che selvaggio di contro a’ despoti
Ribelli dottrine asserragli,
E le mendaci furie con placido
56Lume sbaragli;

Salve, o tu padre d’alte idee; provvido
D’audaci astinenze maestro
A un’operosa stirpe cui domano
60Fame e capestro!

Gloria a te, vecchio sublime, rovere
Indocile al turbo imminente:
D’un’età nova, d’un novo popolo
64Simbol vivente!

Per l’aule dotte di Kief bestemmj
L’anfibia congrega vigliacca;
Su petti inermi briaca infurj
68L’ira cosacca;

A la tua sacra canizie attorcasi
L’anatema stolto: che vale?
Il tuo pensiero, sole dell’anime,
72Splende immortale!