Le poesie religiose (1895)/Nox

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Nox

../Charitas ../Jo IncludiIntestazione 21 febbraio 2016 100% Da definire

Charitas Jo
[p. 115 modifica]

NOX





Dice il mare alla notte: O paurosa
     Ombra, che invadi i miei torbidi baratri,
     3Che chiedi, o paurosa ombra, da me?
Se nel tuo cavo sen dorme ogni cosa,
     Perchè più fiero a te sorge il mio gemito?
     6Questo perpetuo fluttuar perchè?

Dice alla notte il core: Ombra infinita,
     Che gravi intorno a me, ch’entro a me penetri,
     9Perchè contendi a le mie brame il ciel?
Se di sole e d’amor l’anima è ordita,
     Perchè il vero a’ miei stanchi occhi s’ottenebra?
     12Perchè, se pace io vo’, s’apre un avel?

[p. 116 modifica]


Tacito sopra i baratri marini,
     Su’ baratri del cor tacito stendesi,
     15Stendesi dell’immensa ombra l’orror;
Danzan nell’ombra i fati adamantini,
     E perpetuamente i flutti gemono,
     18Perpetuamente si querela il cor.