Le tigri di Mompracem/Capitolo VI - Lord James Guillonk

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo VI - Lord James Guillonk

../Capitolo V - La "Perla di Labuan" ../Capitolo VII - Guarigione ed amore IncludiIntestazione 16 gennaio 2009 75% Romanzi

Capitolo V - La "Perla di Labuan" Capitolo VII - Guarigione ed amore

Capitolo VI
Lord James Guillonk


Quando tornò in sé, con sua grande sorpresa, non si trovava più nella piccola prateria che aveva attraversata durante la notte, bensì in una spaziosa camera tappezzata di carta fiorita di Tung ed adagiato su di un comodo e soffice letto. A tutta prima si credette in preda ad un sogno e si stropicciò parecchie volte gli occhi come per destarsi, ma ben presto si convinse che tutto era realtà. Si alzò a sedere, chiedendosi a più riprese:

- Ma dove sono io? Sono ancora vivo o morto? - Guardò attorno, ma non vide alcuna persona a cui potersi rivolgere.

Allora si mise a osservare minutamente la stanza; era vasta, elegante, illuminata da due grandi finestre attraverso i cui vetri si vedevano degli alberi altissimi. In un canto vide un pianoforte, sul quale stavano sparpagliate delle carte di musica; in un altro un cavalletto con un quadro raffigurante una marina; nel mezzo un tavolo di mogano con sopra un lavoro di ricamo fatto senza dubbio dalle mani di una donna e presso il letto un ricco sgabello ad intarsi di ebano e di avorio, sul quale Sandokan vide, non senza una viva compiacenza, il fedele suo kriss e presso questo un libro semiaperto, con un fiore appassito fra le pagine. Tese gli orecchi, ma non udì alcuna voce; però in distanza udivansi dei suoni delicati che parevano gli accordi di una mandola o di una chitarra.

- Ma dove sono io? - si chiese per la seconda volta. - In casa di amici o di nemici? E chi mai ha fasciata e curata la mia ferita?

Ad un tratto i suoi occhi si fermarono nuovamente sul libro che stava sullo sgabello e, spinto da una irresistibile curiosità, allungò una mano e lo prese. Sulla copertina vi era un nome impresso a lettere d’oro.

- Marianna! - lesse egli. - Cosa vuol dire ciò? È un nome o una parola che io non comprendo?

Tornò a leggere e, cosa strana, si sentì agitato da una sensazione ignota. Qualche cosa di dolce colpì il cuore di quell’uomo, quel cuore che era di acciaio e che restava chiuso alle più tremende emozioni.

Aprì il libro: era coperto d’un carattere leggero, elegante e nitido, ma non riuscì a comprendere quelle parole, quantunque alcune somigliassero alla lingua del portoghese Yanez. Senza volerlo, ma spinto da una forza misteriosa, prese delicatamente quel fiore che poco prima aveva veduto e lo mirò a lungo. Lo fiutò più volte procurando di non guastarlo con quelle dita che altro non avevano stretta che l’impugnatura della scimitarra, provando per la seconda volta una strana sensazione, un misterioso tremito, un non so che nel cuore; poi quell’uomo sanguinario, quell’uomo di guerra, si sentì vincere da un vivo desiderio di portarlo alle labbra!...

Lo ripose quasi con dispiacere fra le pagine, chiuse il libro e lo ricollocò sullo sgabello. Era tempo: la maniglia della porta girò ed un uomo si fece innanzi, camminando lentamente e con quella rigidezza che è particolare agli uomini di razza anglosassone.

Era un europeo, a giudicarlo dalla tinta della pelle, di statura piuttosto alta e ben complessa. Dimostrava circa cinquanta anni, aveva il viso incorniciato da una barba rossiccia, ma che cominciava ad incanutire, due occhi azzurri, profondi, e nell’insieme si comprendeva un uomo abituato a comandare.

- Godo di vedervi tranquillo; erano tre giorni che il delirio non vi lasciava un solo momento di quiete.

- Tre giorni! - esclamò Sandokan, stupito. - Tre giorni che io sono qui?... Ma non sogno io adunque?

- No, non sognate. Siete presso buone persone che vi cureranno affettuosamente e che faranno il possibile per guarirvi.

- Ma chi siete voi?

- Lord James Guillonk, capitano di vascello di Sua Maestà la graziosa imperatrice Vittoria.

Sandokan fece un soprassalto e la sua fronte si offuscò, però si rimise prontamente e, facendo uno sforzo supremo per non tradire l’odio che portava contro tutto ciò che era inglese, disse:

- Vi ringrazio, milord, di tutto quello che avete fatto per me, per uno sconosciuto, che poteva essere un vostro mortale nemico.

- Era mio dovere di accogliere in casa mia un povero uomo, ferito forse mortalmente - rispose il lord. - Come state ora?

- Mi sento abbastanza gagliardo e non provo più dolori.

- Ho molto piacere, ma ditemi, se non vi rincresce, chi vi ha conciato in quel modo? Oltre la palla che vi estrassi dal petto, il vostro corpo era coperto di ferite prodotte da armi bianche.

Sandokan, quantunque si aspettasse questa domanda, non potè fare a meno di trasalire fortemente. Tuttavia non si tradì, né si perdette d’animo.

- Se dovessi proprio dirlo, non lo saprei - rispose. - Ho visto degli uomini piombare di notte, sui miei legni, montare all’abbordaggio e massacrarmi i marinai. Chi erano? Io non lo so, poiché fin dal primo urto caddi in mare coperto di ferite.

- Voi siete stato, senza dubbio, assalito dai tigrotti della Tigre della Malesia - disse lord James.

- Dai pirati?... - esclamò Sandokan.

- Sì, da quelli di Mompracem, che tre giorni fa scorrazzavano i dintorni dell’isola, ma che furono poi distrutti da uno dei nostri incrociatori. Ditemi, dove siete stato assalito?

- Nei pressi delle Romades.

- Giungeste alle nostre coste a nuoto?

- Sì, aggrappato ad un rottame. Ma voi dove mi avete trovato?

- Sdraiato tra le erbe, in preda ad un tremendo delirio. E voi dove eravate diretto, quando veniste assalito?

- Andavo a portare dei regali al sultano di Varauni, da parte di mio fratello.

- Ma chi è vostro fratello?

- Il sultano di Shaja.

- Voi adunque siete un principe malese! - esclamò il lord, stendendogli la mano che Sandokan, dopo una breve esitazione, strinse quasi con ribrezzo.

- Sì, milord.

- Son ben lieto di avervi ospitato e farò il possibile per non farvi annoiare, quando sarete guarito. Anzi se non vi spiacerà, andremo a trovare insieme il sultano di Varauni.

- Sì e...

Egli si arrestò sporgendo innanzi il capo, come se cercasse di raccogliere qualche lontano rumore.

Dal di fuori venivano gli accordi di una mandola, forse gli stessi suoni che aveva udito poco prima.

- Milord! - esclamò, in preda ad una viva eccitazione di cui invano cercava di spiegare la causa. - Chi è che suona?

- Perché, mio caro principe? - chiese l’inglese, sorridendo.

- Non lo so... ma avrei un vivo desiderio di vedere la persona che così suona... Si direbbe che questa musica mi tocca il cuore... e che mi fa provare una sensazione che mi è nuova ed inesplicabile.

- Aspettate un istante. - Gli fece segno di ricoricarsi e uscì. Sandokan ricadde sul guanciale, ma quasi subito si rialzò come se fosse stato spinto da una molla. La inesplicabile commozione che lo aveva colpito poco prima, ritornava a prenderlo con maggior violenza. Il cuore gli batteva in maniera tale che pareva volesse uscirgli dal petto; il sangue gli scorreva furiosamente per le vene e le membra provavano degli strani fremiti.

- Ma cosa provo io? - si chiese egli. - È forse il delirio che mi assale ancora?

Aveva appena pronunciate quelle parole che il lord rientrava, ma non era solo.

Dietro di lui si avanzava, sfiorando appena il tappeto, una splendida creatura, alla cui vista Sandokan non potè trattenere una esclamazione di sorpresa e di ammirazione.

Era una fanciulla di sedici o diciassette anni, dalla taglia piccola, ma snella ed elegante, dalle forme superbamente modellate, dalla cintura così stretta che una sola mano sarebbe bastata per circondarla, dalla pelle rosea e fresca come un fiore appena sbocciato.

Aveva una testolina ammirabile, con due occhi azzurri come l’acqua del mare, una fronte d’incomparabile precisione, sotto la quale spiccavano due sopracciglia leggiadramente arcuate e che quasi si toccavano. Una capigliatura bionda le scendeva in pittoresco disordine, come una pioggia d’oro, sul bianco busticino che le copriva il seno.

Il pirata, nel vedere quella donna che sembrava una vera bambina, malgrado la sua età, si era sentito scuotere fino in fondo all’anima. Quell’uomo così fiero, così sanguinario, che portava quel terribile nome di Tigre della Malesia, per la prima volta in vita sua si sentiva affascinato dinanzi a quella gentile creatura, dinanzi a quel leggiadro fiore sorto sotto i boschi di Labuan. Il suo cuore che poco prima batteva precipitosamente, ora ardeva e nelle vene gli pareva che scorressero lingue di fuoco.

- Ebbene, mio caro principe, cosa dite di quella graziosa ragazza? - gli chiese il lord.

Sandokan non rispose; immobile come una statua di bronzo, egli fissava la giovanetta con due occhi che mandavano lampi di ardente bramosia e pareva che più non respirasse.

- Vi sentite male? - chiese il lord, che lo osservava.

- No!... No! - esclamò vivamente il pirata, scuotendosi.

- Allora permettetemi di presentarvi a mia nipote lady Marianna Guillonk.

- Marianna Guillonk!... Marianna Guillonk!... - ripetè Sandokan, con accento sordo.

- Cosa vi trovate di strano sul mio nome? - chiese la giovanetta, sorridendo.

- Si direbbe che vi ha prodotto molta sorpresa.

Sandokan, nell’udire quella voce, trasalì fortemente. Mai aveva udito una voce così dolce accarezzare i suoi orecchi, abituati all’infernale musica del cannone e alle urla di morte dei combattenti.

- Nulla vi trovo di strano - disse con voce alterata. - Gli è che il vostro nome non mi giunge nuovo.

- Oh! - esclamò il lord. - E da chi lo avete udito?

- Lo avevo già letto prima sul libro che qui vedete e mi ero immaginato che chi lo portava doveva essere una splendida creatura.

- Voi scherzate - disse la giovane lady, arrossendo. Poi, cambiando tono, chiese: - È vero che i pirati vi hanno gravemente ferito?

- Sì, è vero - rispose Sandokan con voce sorda. - Mi hanno vinto e ferito, ma un giorno sarò guarito e allora guai a coloro che mi hanno fatto mordere la polvere.

- E soffrite molto?

- No, milady ed ora meno di prima.

- Spero che guarirete presto.

- Il nostro principe è vigoroso, - disse il lord, - e non mi stupirei di vederlo in piedi fra una decina di giorni.

- Lo spero - rispose Sandokan.

Ad un tratto, egli che non staccava i suoi occhi dal viso della giovanetta, sulle cui gote scorreva di quando in quando una nube rosea, si raddrizzò impetuosamente, esclamando:

- Milady!...

- Mio Dio, cosa avete? - chiese la lady avvicinandosi.

- Ditemi, voi portate un nome infinitamente più bello di quello di Marianna Guillonk, è vero?

- Quale mai? - chiesero ad un tempo il lord e la giovane contessa.

- Sì, sì! - esclamò Sandokan con maggior forza. - Non potete essere che voi la creatura che tutti gli indigeni chiamano la «Perla di Labuan»!...

Il lord fece un gesto di sorpresa e una profonda ruga gli solcò la fronte.

- Amico mio - disse con voce grave. - Come mai voi sapete ciò, mentre mi avete detto che venivate dalla lontana penisola malese?

- Non è possibile che questo soprannome sia giunto fino al vostro paese - aggiunse lady Marianna.

- Non lo udii a Shaja, - rispose Sandokan, che per poco non si era tradito, - ma bensì alle Romades sulle cui spiagge sbarcai giorni sono. Colà mi parlarono d’una fanciulla d’incomparabile bellezza, dagli occhi azzurri, dai capelli profumati come i gelsomini del Borneo; di una creatura che cavalcava come una amazzone e che cacciava arditamente le fiere; di una vaga giovanetta che in certe sere, al tramonto del sole, si vedeva apparire sulle sponde di Labuan, affascinando con un canto più dolce del mormorio dei ruscelli i pescatori delle coste. Ah! milady, anch’io un giorno voglio udire quella voce.

- Tante grazie mi attribuiscono! - rispose la lady ridendo.

- Sì, e vedo che quegli uomini che mi parlarono di voi hanno detto il vero! - esclamò il pirata con slancio appassionato.

- Adulatore - disse ella.

- Mia cara nipote, - disse il lord, - tu stregherai anche il nostro principe.

- Ne sono convinto! - esclamò Sandokan. - E quando lascerò questa casa per tornare nel mio lontano paese, dirò ai miei compatrioti che una giovane donna dei visi bianchi ha vinto il cuore di un uomo che credeva di averlo invulnerabile.

La conversazione durò ancora qualche po’, aggirandosi ora sulla patria di Sandokan, ora sui pirati di Mompracem, ora su Labuan, poi, essendosi fatta notte, il lord e la lady si ritirarono. Quando il pirata si vide solo, rimase a lungo immobile, cogli occhi fissi sulla porta dalla quale era uscita quella vaga giovanetta. Pareva che fosse in preda a profondi pensieri e ad una viva commozione.

Forse in quel cuore, che fino allora mai aveva provato un battito per alcuna donna, in quel momento imperversava una terribile tempesta. Ad un tratto Sandokan si scosse e qualche cosa, come un suono rauco, gli rumoreggiò in fondo alla gola, pronto a irrompere, ma le labbra rimasero chiuse e i denti si strinsero con maggior forza in un lungo stridio. Egli rimase alcuni minuti lì, immobile, cogli occhi fiammeggianti, il viso alterato, la fronte imperlata di sudore, le mani cacciate entro i folti e lunghi capelli, poi quelle labbra che non volevano aprirsi lasciarono un varco dal quale uscì ratto un nome:

- Marianna!

Poi il pirata non si frenò più.

- Ah! - esclamò egli, quasi con rabbia e torcendosi le mani. - Sento che io divento pazzo... che io... l’amo!...