Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1550)/Capitolo 31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Capitolo 30

../Capitolo 32 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Biografie

Capitolo 30 Capitolo 32

CAP. XXXI

Del musaico di legname, ciò è de le tarsie, e de le istorie che si fanno di legni tinti e commessi a guisa di pitture.

Quanto sia facil cosa lo aggiugnere alle invenzioni de’ passati qualche nuovo trovato sempre, assai chiaro ce lo dimostra non solo il predetto commesso de’ pavimenti, che senza dubbio viene da ’l musaico, ma le stesse tarsie ancora e le figure di tante varie cose, che a similitudine pur del musaico e della pittura, sono state fatte da’ nostri vecchi di piccoli pezzetti di legno commessi et uniti insieme nelle tavole del noce e colorati diversamente; il che i moderni chiamano lavoro di commesso, benché a’ vecchi fosse tarsia. Le miglior cose che in questa spezie già si facessero, furono in Firenze ne’ tempi di Filippo di Ser Brunellesco e poi di Benedetto da Maiano. Il quale nientedimanco giudicandole cosa disutile, si levò in tutto da quelle, come nella vita sua si dirà. Costui come gli altri passati le lavorò solamente di nero e di bianco; ma fra’ Giovanni Veronese, che in esse fece gran frutto, largamente le migliorò, dando varii colori a’ legni con acque e tinte bollite e con olii penetrativi, per avere di legname i chiari e gli scuri, variati diversamente, come nella arte della pittura, e lumeggiando con bianchissimo legno di silio sottilmente le cose sue. Questo lavoro ebbe origine primieramente nelle prospettive, perché quelle avevano termine di canti vivi, che commettendo insieme i pezzi facevano il profilo e pareva tutto d’un pezzo il piano de l’opera loro, se bene e’ fosse stato di piú di mille. Lavorarono però di questo gli antichi ancora nelle incrostature delle pietre fini, come apertamente si vede nel portico di San Pietro, dove è una gabbia con uno uccello in un campo di porfido e d’altre pietre diverse, commesse in quello con tutto il resto degli staggi e delle altre cose. Ma per essere il legno piú facile e molto piú dolce a questo lavoro, hanno potuto i maestri nostri lavorarne piú abbondantemente et in quel modo che hanno voluto. Usarono già per far l’ombre abbronzarle co ’l fuoco da una banda, il che bene imitava l’ombra; ma gli altri hanno usato di poi olio di zolfo et acque di solimati, e di arsenichi, con le quali cose hanno dato quelle tinture che eglino stessi hanno voluto; come si vede ne l’opre di fra’ Damiano in San Domenico di Bologna. E perché tale professione consiste solo ne’ disegni che siano atti a tale esercizio, pieni di casamenti e di cose ch’abbino i lineamenti quadrati, e si possa per via di chiari e di scuri dare loro forza e rilievo, hannolo fatto sempre persone che hanno auto piú pazienzia che disegno. E cosí s’è causato che molte opere vi si sono fatte, e si sono in questa professione lavorate storie di figure, frutti et animali, che invero alcune cose sono vivissime; ma per essere cosa che tosto diventa nera e non contrafà se non la pittura, sendo da meno di quella e poco durabile per i tarli e per il fuoco, è tenuto tempo buttato invano, ancora che e’ sia pure e lodevole e maestrevole.