Leggenda eterna/Intermezzo/L'ultima primavera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ultima primavera

../Nova primavera ../Notturno IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Letteratura

Intermezzo - Nova primavera Intermezzo - Notturno

 
Dicono l’erbe nove,
dicon le siepi di virgulti piene:
- Questa, che incerto move
lo stanco passo e sospirando viene,

certo smarrì la traccia;
non sai che qui s’appresta
la portentosa festa
d’Aprile, o donna dalla smorta faccia?

Noi vogliamo gioconde
frotte di bimbe e garzonetti a mille,
noi vogliam trecce bionde
e risa e sguardi pieni di scintille;

oggi, tra canti e danze,
sotto i mandorli in fiore,
passa il corteo d’Amore,
il bel corteo di sogni e di speranze.

Via, via! dà luogo! i suoni
già non odi venir laggiù dai prati?
non odi le canzoni
rivelatrici degli innamorati?

Oh quella faccia smorta
vélati, e va lontano;
ogni lamento è vano
quando la bella giovinezza è morta. -
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

La mesta pellegrina,
ch’ode lo scherno striderle a le spalle,
s’affretta per la china
che al burron mena dall’aperta valle;

invano, invan mercede
all’erbe, al sole, al vento,
nel cupo smarrimento
quella stanca ferita anima chiede.

Con l’occhio innanzi fisso
va dove oblio promette e fine ai guai
la voce dell’abisso;
va con alta la fronte e vinta ormai

ogni codarda tema... -
Dietro, sui prati in fiore,
passa il corteo d’Amore,
l’eco d’una canzon nell’aria trema...