Leggenda eterna/Intermezzo/Vespero

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vespero

../Grandinata ../Visione IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Letteratura

Intermezzo - Grandinata Intermezzo - Visione

 
Laggiù nei prati l’ombre s’allungano
dei pioppi; assorta nel cheto vespero
la verde pianura si stende
incontro all’alto mar d’ametisto.

Morì la lunga nota dell’ultima
stornellatrice; tacque l’allodola
nell’alto; non s’ode che un largo
bisbiglio, all’erbe sotto e tra i rami,

Come talora vibran nel tempio,
dopo i cantati salmi, de’ monaci
l’estreme preghiere sommesse
rimormorate lasciando il coro.

Salgon dall’erbe recisi effluvi
di moribondi fiori. A me salgono
dal core i ricordi, fragranze
vostre, o morenti fior del passato!