Leggenda eterna/Risveglio/Debilitas

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Debilitas

../Mystica ../Agonia IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Letteratura

Risveglio - Mystica Risveglio - Agonia

 
D’un arboscello io so debole nato
che ad ogni novo sospirar di vento
si piega all’altro lato
senza gioia o tormento.
Sotto le nevi e alla stagion fiorita
nol move altro desio;
così lo volle Iddio,
così passa la vita.

Non sa che sian le fiere
resistenze dei forti e la vittoria,
non sa che sia - volere. -
Non conosce la gloria
del morir combattendo, e gli odi acuti
non sa, non sa i dolori
che ignoti gladiatori
sopportan muti.

Vive, e forse di vivere non sente.
D’ebbrezze ignaro e d’impeti d’amore
stende le braccia lente
senza mettere un fiore.
Tale al soffio gentil che lo accarezza
nella mite stagione,
tale al rude aquilone.
Una palma lo guarda... e lo disprezza.