Leggenda eterna/Risveglio/Per la Luna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Per la Luna

../Per via ../Leggendo Maeterlink IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Letteratura

Risveglio - Per via Risveglio - Leggendo Maeterlink

 
Chieder che val s’altra ventura, un giorno
lontano, ebbe Febea? Se aperse l’ale
giammai l’aria nel tacito soggiorno

cui spesso la sognante anima sale,
e se dell’acque le sonanti stille
risero dentro i chiari antri d’opale?

Non forse è noto a noi che mille e mille
occhi d’adolescenti e di vegliardi,
pupille fosche e fulgide pupille,

sguardi di donne innamorate, sguardi
di asceti, accesi in foco di preghiere
o di credenti negli Dei bugiardi

si rivolsero a lei, lei di chimere
popolando e di sogni? Alla superba
umanità, che giova altro sapere?

Ella è l’intatta pisside che serba
il raggio di quei mille occhi, e il segreto
dell’alta gioia o dell’angoscia acerba

che quel raggio dicea; sa l’inquieto
attender dei fanciulli, e l indefesso
rimpiangere dei vecchi il tempo lieto

di giovinezza; nè mirarla adesso
potremmo, senza che di là favelli
a noi quel mondo di fantasmi, espresso

dalle legioni dei morti fratelli
che la videro anch’essi, nelle chiare
notti, precinta in vaporosi anelli,

o come specchio tersa, attraversare
lenta gli azzurri pelaghi, nei suoi
muti viaggi sovra l’alpi e il mare

con immensa pietà guardando a noi.