Lettere (Galileo)/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
X - A Paolo Gualdo in Padova

../IX ../XI IncludiIntestazione 20 luglio 2008 50% Lettere

X - A Paolo Gualdo in Padova
IX XI

(Firenze, 16 giugno 1612)

Molto Ill.re e molto R.do Sig.re Osser.mo

Ho inteso per la gratissima sua quanto passa sin ora in proposito della lettera mia circa le macchie solari; di che mi prendo gusto, e in particolare di quelli che, per non avere a credere, non vogliono vedere; e il gusto procede perché io sto sempre sul guadagnare e mai sul perdere, perché continuamente si vien convertendo qualche incredulo, e de i già persuasi mai non se ne ribella veruno; perché tutto ’l giorno si vanno scoprendo nuovi rincontri in confirmazion della verità; la quale chi l’ha dalla banda sua, sta bene, e può ridere nel veder gl’avversarii sbattersi e affaticarsi in vano. Ho anco un’altra consolazione: che queste macchie solari e gl’altri miei scoprimenti non son cose che col tempo passino via e non tornino così per fretta, come le stelle nuove del 72 e 604 o come le comete, che pur finalmente si perdono e danno agio, con la lor mancanza, di riposarsi a coloro che, mentre esse furon presenti, stettero in qualche angustia; ma queste gli terranno sempre al tormento, perché sempre si vedranno: ed è ben ragione che la natura mandi una volta a vendicarsi contro l’ingratitudine di coloro che tanto tempo l’hanno bistrattata, e che per certa loro sciocca ostinazione voglion tener serrati gl’occhi contro a quel lume ch’ella, per loro insegnamento gli tien sempre davanti. Ecco che ella finalmente con caratteri indelebili ci mostra chi ell’è e quanto ella sia nemica dell’ozio, ma che sempre e in ogni luogo gli piace di operare, generare, produrre e dissolvere, e queste sono le sue somme eccellenze. Ma non voglio ora entrare in materie da non esser capite in una lettera.

Ho ricevuto dal S. Velsero aviso come la mia gl’è pervenuta, e che gl’è stata grata; ma che Apelle per ora non potrà vederla, per non intender la lingua. Io l’ho scritta vulgare, perché ho bisogno che ogni persona la possi leggere, e per questo medesimo rispetto ho scritto nel medesimo idioma questo ultimo mio trattatello: e la ragione che mi muove, è il vedere, che mandandosi per gli Studii indifferentemente i gioveni per farsi medici, filosofi etc., sì come molti si applicano a tali professioni essendovi inettissimi, così altri, che sariano atti, restano occupati o nelle cure familiari o in altre occupazioni aliene dalla letteratura. [...] Con tutto ciò vorrei che anco l’Apelle e gl’altri oltramontani potessero vederla; e qui, per esser io occupatissimo, averei bisogno del favore di V. S. e del S. Sandeli, il quale mi facesse grazia di trasferirla quanto prima in latino e mandarmela poi subito, perché in Roma è chi si è preso cura di farla stampare insieme con alcune altre mie. Io intanto anderò finendo la seconda per farne l’istesso, e parimente l’invierò a V. S.; e caso che il S. Sandeli voglia favorirmi, perché so che alcuni termini proprii e alcune frasi dell’arte potriano dargli qualche fastidio, non occorre che guardi a ciò, perchè io in questa parte la ridurrò a i proprii nostri termini. Se io potrò aver tal grazia, V. S. me n’avvisi subito, e ne procuri quanto prima l’espedizione; e intanto si comincerà a far stampar la italiana in Roma, e il tutto resti inter nos. Che sarà per fine di questa, con baciar a V. S. e a tutti gl’amici con ogni affetto le mani, pregandogli da Dio ogni contento .

Di Firenze, li 16 di Giugno 1612.

Di V. S. molto I. e molto R.da

Se.re Oblig.mo

Galileo Galilei.