Lettere (Gilio de Amoruso)/Lettera 1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 1

../Lettera 0 ../Lettera 2 IncludiIntestazione 18 settembre 2008 75% lettere

Lettera 0 Lettera 2


Al nome de Deo am(en); dì 18 de iunio 1409.

Io co· la gratia de mis(er) Dominideo sò ecquì in Valença in casa v(ost)ra (e) recevutoce <in> bona vista, che mis(er) Dominideo a tucti vugi faccia quella contentecça ch(e) l’animi v(ost)ri desidera. Avisove che le mandule ecquà se compara(r)ia de le nove pagandole mo’ da li 93 infine 95 s. la carca, – ciò è a li lochi dove se recoglie – (e) dice che è miglior piso che quillo de Barçalona; ma, p(er) quello ch’io posso conprender, le nuvelle peiora sì de queste guerre de mare che male è da fa(r)e in ogni loco. La nave Sabatina non è venuta ancora, che Deo la conduca a salvam(en)to, ch’io ne agio assay pensero. Depo’ facta questa Angelo v(ost)ro è andato al porto: dice la nave Sabatina è venuta al porto; no(n) sa dir più sicché de più no(n) ve aviso. Pregove ve avisate del curame da Maiolica (e) como se rege (e) se carti avesse loco de baratarce (e) in que modo. Più ve prego: mando queste lectere va a Pauluccio a Venetia: prego ne vada p(er) mani li sia date; altro no(n) dico p(er) ora; sò semp(re) v(ost)ro; (Crist)o ve guarde.

Gilio de Amoruso
saluta da Valença.
D(omi)no Francischo de Marcho (e) conpagni in Barçelona.