Lettere (Gilio de Amoruso)/Lettera 18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 18

../Lettera 17 ../Lettera 19 IncludiIntestazione 17 gennaio 2009 75% Lettere

Lettera 17 Lettera 19


Al nome de Deo am(en); 1409, dì 3 de ien(naro).

Avisove che a dì 30 de dice(m)bre con grande fatiga fuy a Fiorença, sì p(er) le multe acque che p(er) camino me tende, sì p(er) lo anda(r)e a Marsilia, che illì stecti da x dì, poy fuy sostenuto, ché dicia io era de le t(er)re de· re Lancilao (e) stecti sostenuto iij dì; fra li tre dì la nave se partì, poy vi(n)ni a Nicça, illì stecti ben viij dì inanti ne podessamo partire; poy ne partemo p(er) mare (e) la galea de la guardia de Ienua mandò la galiocta dove nuy andavamo a Ienua; illì stage(m)mo ben xj iumi sicché io ò penato da ij misi a venir ecquà ma, gratia de Deo, venuto sò a salvam(en)to, sicché la cosa sta bene; io tulci a Nicça da Bartolmeo Ysule(r)i franchi octo: terrò modo de darli ecquà, quisti (e) l’altri; a questo non dico più. Como ve dissi io fuy a Monposleri con Lorenço de Nocço (e) disci che conparasse vj quinta(r)i de verderame (e) così disse de fa(r)e; io s(er)rò a Venetia: terrò modo de remecter li den. p(er) lo d(i)c(t)o verderame, (e) da lu d(i)c(t)o Lorenço abbi x franchi. A Pirpignano p(er) v(ost)ro amore io no(n) pay niente del cavallo ma me fece iura(r)e che lu volesse p(er) meo cavalcare, sicché ve ne regratio quanto più posso. De le nuvelle d’ecquà, quisto dì so(n)no venute che Paulo Ursino è intrato in Roma (e) corsa Roma p(er) la Chiesie de Roma, sicché le cose sonno p(er) p(ro)spera(r)e; quisto dì el papa se parte da Pistoia (e) va a Bolongna; no(n) so se questa nuvella reterrà de anda(r)e a Bolongna, che se dice quisto co(m)muno à mandato che no(n) vada a Bologna, che è meglio vada a Roma; altre nuvelle no(n) ce so(n)no. Io lassay a Nicça el meo cavallo (e) voglioce manda(r)e d’ecquà; credo s(er)rà bene, se quilli de Lorenço de Nocço à conparato, over quando l’averà fronito de conpara(r)e, se li acadesse mandarlo a Nicça, quello verderame, me piaceria, ché continuamenti è mo’ el passo da Nicça a Pisia (e) porria far veni(r)e quello verderame de lì che me s(er)ria più presto; sicché me piace(r)ia che vugi li scrivessate se li acadesse de mandarloce, como ò dicto. Io me crederò co· la gratia de Deo de manda(r)e ellà alcuna cosa, spaciatome d’ecquà; altro no(n) dico; sò semp(re) v(ost)ro; salutateme Angelo (e) Ioha(n)ni v(ost)ro (e) v(ost)ro flgliolo che so(n)no in Valença. Lane de Sa· Macteo ecquà vagliono xij li. c. ma ce ne so’ poche; (Crist)o ve guarde.

Gilio de Amoruso
saluto in Fiorença.
D(omi)niis Francischo de Marco (e) conpagni in Barçelona.