Levia Gravia/Libro I/In morte di Pietro Thouar (Giugno 1861)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../F. Petrarca

../Alla Louisa Grace Bartolini IncludiIntestazione 2 gennaio 2012 100% Sonetti

Libro I - In morte di Pietro Thouar (Giugno 1861)
Libro I - F. Petrarca Libro I - Alla Louisa Grace Bartolini
[p. 283 modifica]


VI.

IN MORTE DI PIETRO THOUAR

[giugno 1861]


Me da la turba, che d’ossequio avaro
Pasce i mal chiusi orgogli
A qual piú sorga d’util fama chiaro,
Tu, solitaria musa, a vol ritogli:
5Ma, dove del suo riso
Virtú soave irradïando veste
Bei costumi, alti sensi, opre modeste,
Ivi teco io m’affiso,
Teco m’esalto ed a l’aspetto santo
10Rompe da la commossa anima il canto.

[p. 284 modifica]


E già cercai con desïoso amore
Questo savio gentile,
E i pensieri affinai ne lo splendore
Che mite diffondea sua vita umíle.
15Nel suo povero tetto
Me inesperto egli accolse e ad una ad una
Del reo mondo le piaghe e di fortuna
E ’l non mai domo affetto
Al vero al buon m’aperse : in su la pura
20Fronte gli sorridea l’alma secura.

Ahi, con duol mi rimembra il punto quando
L’ultimo amplesso tolsi,
E da la buona imago, sospirando,
Confuso di tristezza, il piè rivolsi!
45Redía, su ’l volto amico
Insazïato ancor l’ occhio redía,
Qual di figliuolo che per lunga via
Si mette, e al padre antico
Guarda, pensoso del lontan ritorno,
50Ne la fredd’ombra de l’occiduo giorno.

[p. 285 modifica]


Pur rivederlo a sue bell’opre atteso
Mi promettea speranza,
E ne gli onesti ragionari acceso
Di fede avvalorarmi e di costanza.
25In van: per sempre è muto
Quel di semplice eloquio inclito fabro,
Quel mite ardente intemerato labro;
E l’occhio, ahi quell’arguto
Da le assidue vigilie occhio conquiso,
30Piú non si leva a’ dolci alunni in viso.

E voi vivete, o titolati Gracchi,
E voi con doppia lingua
Ben provvedenti Bruti a’ cor vigliacchi,
E voi Caton cui libertade impingua.
35V’approdaron, civili
Rosci, il tragico stile e l’alte spoglie!
Ma in van mentite, o istrïon, le voglie
Oblique e l’opre vili
Sott’esso il fasto de l’eretto ciglio,
40Famosi oggetti al popolar bisbiglio.

[p. 286 modifica]


Ei per le vie, che non de gli aurei cocchi
Ma suonan di frequente
Opera industre, oh quante volte gli occhi
A sé traea del vulgo reverente!
75Usciano in suo cammino
I vecchi salutando, ed a la prole
Con ischietti d’amor cenni e parole
Segnavanlo e al vicino:
Or di lui forse in su la stanca sera
80Pensan con un sospiro e una preghiera.

Non un pensier, ch’io creda, a lui concede
Il vulgo che beato
Con largo fasto e misera mercede
Ne pagava i precetti e il mal sudato
85Tempo ingombrògli. Umano
De gli anni nuovi educatore, ahi cruda
Volge l’età pur sempre, e de l’ignuda
Virtú l’esempio è in vano:
Povero fior d’atra palude in riva
90Muor né d’olezzi il grave aër ravviva.