Libro proibito/La diva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../In morte di un sindaco

../Ad un prete IncludiIntestazione 21 settembre 2011 75% Poesie

In morte di un sindaco Ad un prete

    Diva è la Patti, e attestanlo
    I molti suoi miracoli
    Veramente incredibili
    E sopranaturali....
    Ieri, se il ver narrarono,
    Il giornalista Gellio
    Dopo un lustro di proroghe
    Pagò quattro cambiali.


Note

I giornali milanesi, nell’anno 1877, quando Adelina Patti cantò alla Scala, non la chiamavano altrimenti che col titolo di Diva. L’incenso delle adulazioni e delle iperboli ammirative fu lautamente pagato dai preti-appaltatori, che lucravano sull’idolo, Non apparvero mai, sotto forma di giudizii critici, le più scempie ampollosità. La Patti è una brava cantante. L’ho udita nella Aida; mi parve insuperabile nella espressione plastica del personaggio; non ugualmente atta, per insufficienza di energia vocale, a tradurre tutti gli accenti della musica. L’ambiente della Scala mi parve troppo vasto per una Diva nella quale il talento soverchia troppo spesso la voce. Ho udito, ne’ miei giovani anni, quando in Italia l’arte del canto fioriva, non meno di venti prime donne superiori o pari di merito alla Patti. Non si chiamavano Dive; per udirle alla Scala si pagavano tre lire austriache, e talvolta cantavano alle panche. Non si conosceva ancora in Italia l’arte della gran blague americana, e il pubblico era avezzo a sentir cantar bene. Una cantante che sappia ancora esprimere correttamente un periodo di musica senza guastarlo di gargarismi, di singulti, di ventosità tracheali, oggidì può passare per un miracolo.