Linguaccio/Laude d'una pastorella (2)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LAUDE D'UNA PASTORELLA

../P. Hieronymi Olympi Sentinatis dialogus ../Frottola alla pastorella IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

P. Hieronymi Olympi Sentinatis dialogus Frottola alla pastorella

 
1Vesta qual donna vol velluto o seta,
raso, damasco, ciambellotto ancora,
vesta broccato per parer più lieta
e vestase d’or fin che più l’infiora,
5spenda in rosato chi pur vol moneta
e in quel vago color che più l’onora:
ché più galante è la mia pastorella
quando de rete porta la cappella.
 
2Le guance de la mia pastorelluccia
10rasembran proprio dua mela rosciole.
I gentil labri de la sua boccuccia
paron due fraganelle volte al sole
e le sue carne odoran de mentuccia
e de silvestre e mammole viole.
15Le tette sono dur, vaghette e belle,
che par che sien dua mela caponcelle.
 
3La pastorella mia quando fa el pane
mena le braccia e tutta la persona,
poscia sul spasso batte ambe le mane
20che per la strada tutto el batter suona;
e le spianate fa rotonde e piane,
le quale a chi l’aiuta poi le dona,
poscia va al forno per veder si è caldo.
Si la saluto, dice: — sei un ribaldo!

254La pastorella mia se stava un giorno
de fuora al campo a coglier le muriche
con un visetto sì polito e adorno
che tal non forno de li dèi l’amiche.
Sovente la guardava d’ogni intorno
30ch’era geloso in sin de le formiche
ch’al piede scalzo suo non glie mordesseno
e de le spin che non me la pongesseno.

5La pastorella mia portava in testa
una ghirlanda tessuta de fiori
35e geva per la villa ardita e presta
a giovenetti amanti ardendo e cori.
Non con altro vestire et altra vesta
né con altre camorre de colori,
ma sol discalza con un mezzo lana
40ninfa bella pareva de Diana.

6Quando se vol guardare al chiaro specchio
la pastorella mia, sì galantina,
mette de l’acqua chiara dentro al secchio
et ivi guarda sua faccia divina.
45Cusì le treccie drizza con un stecchio
e mentre el fa nell’acqua se rinchina,
se volge e move e fa come una biscia
mentre ch’al specchio se fa bella e liscia.

7Va la mia pastorella el giorno scalza
50e spesso la molesta qualche pietra,
tanta pietà di lei el cor m’incalza
che vien la faccia mia pallida e tetra.
E quinci or quinde corre, salta e balza,
or fila, or canta et or sufragio impetra,
55ma sper che per amor dei pie’ discreti
diventeranno i saxi ancor tapeti.

8Si scalza va la pastorella mia
non l’offenden le pietre dure e i sassi
perché sta in suo potere, in sua balìa
60de rompere el diamante con suoi passi.
È tanto graziosa e tanto pia
che fa lassar lo sdegno agli orsi, ai tassi,
e si va scalza, el pie’ non se consuma
ch’ogni cosa per lei diventa piuma.

659O che dolce veder quando ella tesse,
o che dolce veder quando lavora,
o che dolce veder sua membra fesse,
o che dolce veder quando va fora,
o che dolce veder quando ella avesse
70el bianco guarnelletto che la onora,
o che dolce sentir quando favella
la dolce mia ioconda pastorella!

10Portan le cetadin cuffie e gorgiere,
ambre, perle, coralli, anelli d’oro
75e per gir più superbe e gir più altiere
portan le veste de sutil lavoro.
Per farse vagheggiar, farse vedere
se pongano alla chiesa a presso el coro,
ma più vaghetta è la mia pastorella
80quando de rete porta la cappella.

11El superbo vestir, la portatura
de nova foggia, trionfante e vaga,
le veste preziose oltra misura
che tutto l’oriente non le appaga,
85le veste, manto alla tua carne pura,
de cordiale amore el cor m’allaga.
Le veste nobil de sì gran valore
a chi non pensa a te el fa servitore.

12O robiconde scarpe, che ’l bel pede
90de quella mia inimica el giorno copre!
O scarpa, perché lei non sente o vede
quel che la sua passion con te discopre?
O scarpa, de’ narrar te la mia fede
ad quella fabricata al ciel di sopre!
95O scarpe, che a sui pedi voi starìte,
che lei da me non fuga glie derìte.

13La cuffia, che tu porti all’aurea testa,
sotto la qual s’asconde i bei crin d’oro,
la cuffia che tu porti tanto onesta
100te fa discesa dal superno coro,
la cuffia de color tanto modesta
d’un non più visto singular lavoro,
la cuffia d’una seta ricca e fina
a seguitarte a tutte l’or m’inclina.

10514O vaga fronzaletta, che la fronte
adorni de colei che ’l cor m’annoda,
o fronzaletta, che le chiome agionte
hai di costei, che glie fan tanta loda,
o fronzaletta, che mie voglie pronte
110fai a seguir chi ’l ciel non vol ch’io oda,
o fronzaletta, che la fai sì degna,
diglie che verso me sia più benegna!

15La collana, che porti al bianco collo
sì nobil ch’ogni cor duro adolcisce
115de riguardarla non son mai sattollo,
ché sol di lei mio corpo se notrisce.
La collana da tor la luce a Apollo
sì bella ch’ogni spirto se smarrisce,
la collana, che al collo intorno pende
120d’una amorosa fiamma ognor m’accende.

16O chiaro specchio, dove quel bel viso
reluce de colei ch’ognor me sprezza,
o specchio, ove si specchia el Paradiso
che lei a te, tu a lei rendi chiarezza,
125o specchio, bel più che quel de Narciso,
dove si vede chi ’l mio mal non prezza,
o specchio lampegiante, almo e sereno,
dimonstraglie el cor mio chi porta in seno!

17O gran dolcezza, o Dio che gran diletto,
130o dolce remirar, dolce vedere,
o che dolce sembiante, o dolce aspetto,
o dolce gaudio, o che dolce piacere,
o gran consolazion senza difetto,
o dolce liquefar, dolce sapere,
135quando ne va discalza, in sottanella,
la mia dolce suave pastorella!

18O gran diletto a vederla filare,
o gran diletto a vederla cusire,
o gran diletto a vederla lavare,
140o gran diletto de sentirla dire,
o gran diletto a sentirla cantare,
o gran diletto è de vederla ordire,
o gran diletto a veder la pianella
de la mia dolce e vaga pastorella!

14519La pastorella mia conciava el lino
e glie tremava l’uno e l’altro fianco,
lasso da canto io stava a capo chino
a vagheggiarli el petto fresco e bianco
e deceva pian piano: — ohimè, meschino,
150aiutame, perdìo, ch’io vengo manco!
Aiutame d’un sol soave bascio,
o pastorella bianca più che ’l cascio!

20Geva cogliendo la mia pastorella
per un fiorito prato l’insalata
155senza portare in capo la cappella
e per fine al ginocchio era insaccata,
discalza con li piedi, in sottanella
e con le braccia fine al mezzo alzata
e cantando diceva con dolore:
160— porto un cortello in mano e l’altro al core!

21O suave piacer vederla ridere,
o suave piacer quando ella sede,
o gran malenconia vederla stridere,
o gran malenconia si non se vede,
165o gran piacer vederla el pan dividere,
o suave piacer quando sta in piede,
o gran piacer quando empie la conocchia,
ma più dolce piacere è si me adocchia!

22Duo giorni fra condense selve e folte,
170fra sterpi, colli, ripe, piagge e grotte,
stato, madonna, son tra fiere sciolte,
fra gente rozze, salvatiche e indotte.
E mirando nel ciel le stelle molte
nella caliginosa e tetra notte
175me pareva per certo ch’ogni stella
fosse la mia ioconda pastorella.

23Mirando poi la fredda e bassa luna
diceva: — in mezzo a quella sta madonna,
chiamava poscia l’invida fortuna
180dicendo: — oh, perché non la veggio in gonna!
e diventando l’aria tutta bruna
diceva: — o Dio, che fa la mia colonna?
Surgendo poi la chiara aurora bella
diceva: — questa è la mia pastorella!

18524Vedendo el sol col lampeggiante raggio,
— ecco madonna — dissi — questa è dessa!
E mirando mo’ un, mo’ un altro faggio
dissi ai compagni: — madonna s’apressa!
E cusì sempre per tutto el viaggio
190sopra di te la fantasia ho messa
apropriando con le mie parole
ch’eri tu quella luna, stella e sole.