Matinata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
griko

Vito Domenico Palumbo XIX secolo M canti cantastoria Matinata (Kalinifta) Intestazione 19 settembre 2011 50% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Ti en glicèa tusi nifta, ti en orria
c'evò e' pplonno pensèonta s'esena
c'ettumpi' sti ffenestrassu, agapimu,
tis kardi'ammu su nifto ti ppena.

2Evo' panta s'esena penseo,
jatì sena, fsichìmmu, gapò
ce pu pao, pu sirno, pu steo
sti kkardìa panta sena vastò.

3C'esù mai de' m'agàpise, òria-mu,
'e ssu pònise mai puss' emèna;
mai cìtt'oria chili-su 'en ènifse
na mu pì loja agapi vloimèna!

4T'asteràcia pu panu me vlepune
ce m'o fengo krifi'zzun nomèna
ce jelù ce mu lèune: ston ànemo
ta traùdia pelìs, ì chchamèna.

5Kalinìfta! Se finno ce feo,
plàja esù ti 'vò pirta prikò,
ma pu pao, pu sirno, pu steo
sti kkardìa panta sena vastò.

rit.

larilolarilolallero larilolarilolalà,
larilolarilolallero larilolarilolalà


Traduzione


Com'è dolce questa notte, com'è bella
e io non dormo pensando a te
e qui dietro alla tua finestra, amore mio,
del mio cuore ti apro le pene.

2Io sempre a te penso,
perchè te, anima mia, io amo
e ovunque io andrò, vagherò, starò
nel cuore sempre te porterò.

3Eppure tu non mi hai mai amato, bella,
nè mai avesti pietà di me;
mai apristi le tue belle labbra
per dirmi dolci parole d'amore!

4Le stelle da lassù mi guardano,
e con la luna bisbigliano di nascosto
e ridono e mi dicono: al vento
butti le canzoni, sono perdute.

5Buonanotte! Ti lascio e fuggo via
dormi tu che io sono partito triste
ma ovunque io andrò, vagherò, starò,
nel cuore sempre te io porterò.

rit.

larilolarilolallero larilolarilolalà,
larilolarilolallero larilolarilolalà

Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Matinata