Memorie dell'ingegnere Giovanni Milani/Capo V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Capo IV

../Capo VI IncludiIntestazione 2 maggio 2012 75% Da definire

Capo IV Capo VI
[p. 48 modifica]

CAPO V.


Fra diverse linee possibili ad una nuova grande via di comunicazione scegliersi sempre la migliore per via di studii comparativi, topografici, economici, tecnici, e non mai per via di esperimento. In questo caso particolare aversi, oltre il risultato degli studii comparativi,la conferma del fatto e della esperienza.

XXV. Fra diverse linee possibili ad una nuova e grande via di comunicazione scegliersi sempre la migliore per via di studii comparativi, topografici, economici, tecnici; e non mai per via di esperimento. In questo caso particolare aversi, oltre il risultato degli studii comparativi, la conferma del fatto, della esperienza.

88. Per convincersi quale sia da Brescia a Milano la miglior direzione da seguirsi;

Per convincersi che la Società della grande strada di ferro da Venezia a Milano recherebbe un grave danno alla prosperità pubblica ed al proprio interesse, sviando la linea per Bergamo e Monza, e lasciando che l’intiera linea si dividesse in due Società, non occorre alcuna esperienza di fatto, come pare che qualcuno creda.

L’esperienza attuale delle due strade postali, che, movendo da Brescia, vanno l’una diritta a Milano, l’altra per Bergamo, ed i fatti e le considerazioni superiormente esposti lo dimostrano ad evidenza.

Quell’esperimento di fatto, se potesse esser concesso, non [p. 49 modifica]riuscirebbe che a tre gravi danni, dei quali due irreparabili, e forse tutti e tre:

Ad un danno pubblico, per l’impiego di un forte capitale nella costruzione di una strada di ferro lungo una linea poco proficua.

Ad un danno della Società lombardo-veneta, che avrebbe così permesso a suo scapito una concorrenza, alla quale ha diritto di opporsi, cioè la concorrenza che recherebbe alla di lei strada da Bergamo a Treviglio e Brescia la strada da Bergamo a Brescia.

In fine, a rendere difficile e forse impossibile la successiva prosecuzione, la successiva esecuzione della strada di ferro lungo la buona linea, quella per Chiari e Treviglio, e questo per le ragioni esposte al §5 del presente scritto: insomma, perchè quando si è fatto male spendendo molto, difficilmente si fa il meglio, se per fare il meglio si deve spendere di nuovo molto.

Ad ogni modo sarebbe questa sicuramente la prima volta nel mondo in cui, trattandosi di sceglier la miglior linea per una nuova e grande via di comunicazione, in luogo di procedere, come si fa sempre e per tutto, per via di studii comparativi, topografici, economici, tecnici, sulle diverse linee possibili, si procedesse invece a dirittura per via di esperimento, e di un esperimento che costa, esteso alle due linee, niente meno che 37 milioni.